ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il nuovo patto sulle migrazioni dell'Unione Europea divide le coscienze. Ecco perché

euronews_icons_loading
Il nuovo patto sulle migrazioni dell'Unione Europea divide le coscienze. Ecco perché
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Con le immagini del campo di Moria in fiamme ancora fresche nella mente, il nuovo Patto per la migrazione e l'asilo della Commissione europea non avrebbe potuto essere più tempestivo. E il suo approccio si è rafforzato.

Bruxelles propone più controlli, più rimpatri ... e di eliminare le quote di rifugiati.

La nuova politica sull'immigrazione mira a lasciarsi alle spalle le divisioni tra Stati membri, ma continua a generare polemiche.

In Global Conversation, abbiamo tre ospiti che rappresentano tre diverse visioni.

Quelle dei paesi di frontiera ... quelle dei paesi riluttanti ad accogliere i rifugiati ... e quelle delle Ong che sono in prima linea.

Gli eurodeputati esamineranno ora il nuovo patto sulla migrazione e una delle persone incaricate sarà Miriam Dalli, socialista di Malta, uno dei paesi in prima linea per l'arrivo e l'accoglienza dei migranti. Miriam Dalli, grazie per essere con noi su Euronews.

Ana Lazaro, Euronews: Qual è la sua impressione sulla proposta della Commissione nel suo complesso?

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Voglio essere onesta con Lei. Sono cauta, sono cauta perché vorrei vedere come faremo ad assicurarci che le cose che abbiamo sentito dalla Commissione vengano effettivamente convertite in legislazione, e poi effettivamente attuate. Lei nella sua introduzione ha detto che i membri del Parlamento europeo esamineranno i dettagli di questo pacchetto. E così. Ma sa come si dice? Il diavolo è nei dettagli e sono i dettagli che faranno la differenza.

Ana Lazaro, Euronews: Analizziamo le diverse proposte che si trovano all'interno. Una di esse vuole aumentare il ritorno dei migranti economici. Pensa che un paese come Malta possa affrontare un processo che prevede una decisione entro 12 settimane?

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Mi faccia parlare del mio paese. Questa è l'esperienza dei paesi in prima linea. Quindi ciò che il mio paese deve affrontare è una situazione simile a quello che devono affrontare l'Italia, o la Spagna o la Grecia. Lei ha parlato di rimpatri, ma oltre a questi rimpatri c'è anche il processo di screening che deve essere fatto. E non è del tutto chiaro dove esso verrà svolto. Da quello che capisco, per come stanno le cose oggi, e da quello che ho visto, questo processo di screening sarà probabilmente responsabilità dei paesi in prima linea. Quindi continueranno ad avere molta più responsabilità e molto più peso ai membri in prima linea. È un tema che io e le persone che credono nella solidarietà pensiamo che debba essere affrontato. E non ha senso nel senso che se vogliamo avere solidarietà e aiutare i paesi in prima linea, non possiamo continuare ad esercitare così tanta pressione su di loro.

Ana Lazaro, Euronews: Parliamo di solidarietà, perché la Commissione vuole che sia obbligatoria. Alcuni paesi accoglieranno rifugiati e altri pagheranno o finanzieranno il ritorno di quei richiedenti asilo che sono stati respinti. Pensa che la solidarietà debba essere rafforzata?

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: La solidarietà è un principio base dell'Unione europea. Dovrebbe essere naturale che tutti gli Stati membri affrontino insieme questa sfida. Ora, quando colleghiamo trasferimenti e rimpatri, è un passo nella giusta direzione. Perché, siamo onesti, abbiamo paesi che fino ad oggi rifiutano di assumersi alcuna responsabilità. Credo che la Commissione europea abbia fatto questa proposta con questa consapevolezza. Per questi paesi sarà molto più facile essere a favore dei i rimpatri. Ma devo anche capire come funzionerà il tutto per alleviare la pressione sugli stati che si trovano in prima linea. C'è un altro problema: cosa succederebbe se tutti gli Stati membri optassero per i rimpatri sponsorizzati, ma non accettasser di prendersi quote di rifugiati o diminuissero addirittura le quote di oggi?

Ana Lazaro, Euronews: Parliamo dell'origine e dei paesi di transito. L'Unione Europea ha già firmato accordi con almeno 20 paesi. Ma questo sembra non funzionare. Come potrebbe questa cosa essere migliorata?

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Sono fermamente convinta che dobbiamo lavorare con quei paesi. La Commissione Europea sta dicendo che vuole rivolgersi anche ai Paesi di origine per assicurarsi che i problemi nei Paesi da cui provengono i migranti vengano affrontati. Lo sento da molto tempo. Spero che ci saranno proposte davvero forti che possano affrontare questo problema e anche le reti criminali. Se c'è qualcosa contro cui si è fatto poco, sono le reti criminali.

Ana Lazaro, Euronews: Mi faccia solo un esempio di come si possa trattare meglio con questi paesi.

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Penso che dobbiamo entrare in partnership con loro e andrò oltre le semplici politiche relative alla migrazione. Stiamo parlando tanto di avere un'economia più verde. Perché non estendere questa politica di economia più verde al di fuori dell'Unione europea e guardare ai paesi non UE come nostri partner? Possamo aiutare questi paesi a rafforzare le loro economie e allo stesso tempo ad affrontare la questione delle migrazioni.

Ana Lazaro, Euronews: In questa fase, il Patto è una proposta. Quali cambiamenti, quale cambiamenti concreti vorrebbe vedere?Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Il patto parla ad esempio di una coordinazione per i rimpatri. Ma non esiste una coordinazione europea per i rimpatri. Mi piacerebbe vederla introdotta per assicurarci che diamo lo stesso peso a rilocalizzazione e rimpatri. Come ci assicureremo che lo screening delle frontiere non attribuisca la responsabilità solo agli Stati membri che sono in prima linea? ... Presentiamo proposte che possano garantire che tutti i paesi partecipino a questo e assicuriamoci che non sia solo il paese di arrivo che debba risolvere questo problema.

Ana Lazaro, Euronews: Ma Lei ha l'impressione che siano state fatte troppe concessioni ai populisti o a paesi come l'Ungheria o la Polonia che chiedevano politiche più dure?

Miriam Dalli, socialisti europei, Malta: Se sono state fatte troppe concessioni? Finora avevamo proposte che cercavano di non dare troppe concessioni. Come cittadina di uno stato membro in prima linea, posso dirle che non funzionavano davvero. Penso che quello che la Commissione sta cercando di fare, è qualcosa che cerca di riunire tutti i diversi Stati membri. Io, per esempio, sono totalmente a favore del trasferimento obbligatorio, ma non sta accadendo.

Ana Lazaro, Euronews: Ecco le opinioni di un altro eurodeputato, questa volta proveniente dall'Ungheria.

———————————-

Sandor Sziros, Euronews: Il mio ospite è Balazs Hidveghi, membro del Parlamento europeo del partito al governo ungherese Fidetsz, che rappresenta un governo fermamente contrario alla migrazione. Signor Hidveghi, qual è la sua prima valutazione sul nuovo pacchetto della Commissione europea?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: La prima valutazione è che sembra contenere alcuni nuovi elementi che potrebbero essere un passo nella giusta direzione. Sottolinea la rigorosa necessità di proteggere le frontiere esterne. Parla molto del ritorno di quelle persone che non hanno il diritto di rimanere nell'Unione europea. D'altra parte, parla ancora della migrazione come qualcosa di desiderabile, parla ancora di una migrazione che deve essere gestita. Quello che manca, secondo noi, è un punto di vista chiaro su come le richieste dei migranti debbano o dovrebbero essere gestite al di fuori dell'Unione europea. Non si può permettere a tutti di entrare e poi magari deportare queste persone senza sapere dove andranno a finire.

Sandor Sziros, Euronews: Non si può fermare la migrazione in Europa. È questa la realtà. Come si può fermare completamente la migrazione, ad esempio, sui confini marittimi?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: L'Ungheria ha dimostrato negli ultimi cinque anni che un confine esterno può essere protetto, se non è è perché non c'è una volontà politica. Abbiamo creato, abbiamo costruito una recinzione di confine. Abbiamo aumentato le pattuglie di confine. La polizia, le guardie di frontiera sono lì. E quel confine non è più un confine che i migranti illegali stanno attraversando. So bene che con un confine marittimo è molto più difficile, è un diverso tipo di confine. Ma non è accettabile dire che un confine marittimo, solo perché è sul mare, è impossibile da difendere. È invece una cosa fattibile. L'Italia lo ha dimostrato quando Salvini era ministro degli interni.

Sandor Sziros, Euronews: Il primo ministro Viktor Orban combatte da cinque anni contro le quote obbligatorie di ricollocazione. Queste quote sono ora fuori dal pacchetto. È una vittoria di Orban?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: Io penso che Viktor Orban, il primo ministro, sia stato il primo a dire che tutto questo non era accettabile. Siccome non si è arrivati a una vera soluzione, questo non ha creato una soluzione, non ha contribuito a un accordo comune ... al contrario, la spinta e la forzatura della delocalizzazione obbligatoria hanno solo creato una divisione sempre più profonda all'interno dell'UE ... non si può andare avanti in questo moo. Se il nuovo patto sulla migrazione accetta finalmente questa realtà, è una cosa buona. Ed è in una certa misura, sì, una vittoria di Viktor Orban.

Sandor Sziros, Euronews: In che modo l'Ungheria potrebbe dimostrare solidarietà verso l'Italia e la Grecia?Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: Solidarietà con la mancanza di controllo alle frontiere? No. Solidarietà con i trafficanti di esseri umani e le ONG che collaborano? No. Fuori discussione. La protezione efficace di una frontiera esterna dell'UE è il modo per mostrare solidarietà agli altri paesi membri. In questa nuova proposta si parla di sponsorizzazioni dei rimpatri. Ora, per quanto ho capito il testo e la proposta, i paesi che non accettano la ricollocazione di migranti illegali o regolari possono contribuire allo sforzo congiunto sponsorizzando e gestendo il rimpatrio di persone che non hanno diritto di rimanere in Europa, che non sono rifugiati e che hanno bisogno di partire, ma che non se ne sono andati negli ultimi due anni. Quindi penso che lo vedremo nei negoziati. A questo possiamo contribuire e credo che lo faremo.

Sandor Sziros, Euronews: E che tipo di aiuto offre l'Ungheria alla gente di Moria?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: Penso che le persone in questi campi a Moria e altrove, le persone sulle barche nel Mar Mediterraneo, le persone che pagano tutto quello che hanno ai trafficanti di esseri umani per cercare di venire in Europa, siano vittime. E abbiamo simpatia per quelle persone, ovviamente. Ma sono vittime perché hanno ricevuto segnali sbagliati dall'Unione Europea. Molte persone in quelle aree dell'Africa settentrionale e del Medio Oriente pensano che l'unica cosa che devono fare sia entrare in qualche modo nel territorio dell'Unione europea. E se lo fanno, allora va bene, allora potranno rimanere qui tutto il tempo che vogliono. E questa è stata la realtà negli ultimi cinque anni. Ma è sbagliato. L'Europa non è in grado di accogliere il mondo intero qui, nell'Unione europea. È contro la volontà del popolo europeo. E la migrazione è qualcosa che alla fine deve rimanere competenza degli Stati membri.

Sandor Sziros, Euronews: Ma l'Ungheria non è contraria all'accettazione dei rifugiati?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: Ovviamente no. Siamo stati molto chiari al riguardo. Quelle persone che hanno diritto allo status di rifugiato, hanno ottenuto lo status di rifugiato anche in Ungheria. Non è un dibattito. Il dibattito riguarda davvero la migrazione economica illegale in massa. Non è accettabile. Tutto questo deve essere fermato.

Sandor Sziros, Euronews: L'Ungheria è stata pesantemente criticata per il trattamento dei rifugiati e dei migranti ai confini e nelle zone di transito. Qual è la Sua reazione a questa critica?

Balasz Hidveghi, Mep, popolari ungheresi: Respingo categoricamente qualsiasi accus che affermi che era disumana o non rispettosa delle persone. È stato un modo corretto per avere le persone da qualche parte durante il periodo in cui le loro richieste venivano trattate. Il patto migratorio ora parla anche della necessità di accelerare i tempi e le decisioni su quel tipo di richieste. Vedremo se sarà possibile. La nostra preferenza sarebbe simile a quella che era la zona di transito ungherese, avere hotspot al di fuori del territorio dell'UE in modo che le persone possano sapere con certezza e con chiarezza se hanno o meno il diritto di venire in Europa.

————————————————————-

In Europa ci sono persone che conoscono bene la migrazione perché l'hanno seguita da vicino.

L'agenzia Proactive Open Arms ha salvato migliaia di migranti in alto mare. E ha passato innumerevoli ore ad aspettare che un porto europeo ne autorizzasse gli sbarchi.

Il suo fondatore e direttore è con noi per esprimere il suo punto di vista.

Ana Lazaro, Euronews: Oscar Camps, grazie per essere qui con noi. La Commissione Europea ha presentato un patto per la migrazione e l'asilo. Cosa ne pensa? Può fare la differenza?

Oscar Camps, Open Arms: Non mi sembra affatto un buon inizio ... perché formalizza le politiche xenofobe esistenti, affida la responsabilità, soprattutto ai centri di detenzione in territorio libico ... Questa proposta parla di potenziamento delle deportazioni ma non parla di rafforzamento umanitario o di salvataggi.

Ana Lazaro, Euronews: Il commissario Ylva Johansson, ha fatto cenno alle operazioni di soccorso. Ha detto che spera che ci saranno meno navi come la sua nel Mediterraneo. La signora ritiene che non saranno più necessario, perché le nuove misure avranno un ruolo deterrente, così i migranti smetteranno di venire in Europa perché sanno che saranno espulsi. Pensa che sia realistico?

Oscar Camps, Open Arms: Vorrei che non fosse necessario per noi essere in mare. Né noi, né altre ONG, né altre navi umanitarie. Perché ciò significherebbe che l'Unione europea si è fatta carico delle operazioni di salvataggio da sola, tramite una missione militare o civile, o addirittura grazie alla Guardia costiera europea. Finché non sarà così, è evidente che dovranno tollerare la nostra presenza come osservatori e come testimoni di ciò che sta realmente accadendo ... e su come le convenzioni internazionali sui diritti umani e le leggi marittime internazionali vengano violate. Non solo da Malta, ma anche dalla cosiddetta guardia costiera libica.

Ana Lazaro, Euronews: La Commissione propone inoltre di assumersi la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso per garantire che gli sbarchi siano meglio preparati. Cosa ne pensate di questa proposta?

Oscar Camps, Open Arms: Durante il 2016 e il 2017 tutte le operazioni di soccorso sono state coordinate dalla Guardia Costiera italiana e talvolta da Frontex. Entrambe le agenzie hanno coordinato gli sbarchi e il trasferimento (dei migranti) dalle navi delle organizzazioni umanitarie alle navi ufficiali. Gli sbarchi erano tutti coordinati e c'era un ordine. E guarda caso, a partire da marzo 2018, dopo le elezioni in Italia, tutto questo è cambiato. Ora nessuno coordina i soccorsi, né le azioni umanitarie, né gli sbarchi. Tutto è diventato un incubo a causa dell'attesa e delle sofferenze prolungate e inutili delle persone che vengono soccorse in mare. Se queste misure potessero contribuire ad accelerare l'ottenimento di un porto sicuro per lo sbarco e assicurare che queste persone siano assistite immediatamente, sarà il benvenuto.

Ana Lazaro, Euronews: Cosa pensate degli accordi con i paesi terzi. Funzionano? Pensa siano necessari? Con quali paesi è possibile negoziare? Ad esempio in Africa...

Oscar Camps, Open Arms: Ho molti dubbi sull'idea dell'outsourcing. Abbiamo altri punti di vista. Pensiamo che la soluzione sia nel punto di origine. Abbiamo bisogno di paesi sicuri in cui i cittadini si sentano al sicuro. Ciò ovviamente eviterà molti flussi migratori. Se fermiamo i conflitti, fermeremo anche gran parte del flusso migratorio. Esternalizzare le frontiere, pagare paesi terzi per fare il lavoro sporco, pagare la Libia per avere centri di detenzione illegali dove si praticano torture, estorsioni e violazioni di tutti i diritti, non mi sembra una buona soluzione.

Ana Lazaro, Euronews: Alcuni anni fa, le ONG come la tua erano considerate angeli custodi. C'era un'immagine positiva. Invece, ora c'è la tendenza a etichettarvi come criminali. In effetti, la tua organizzazione e anche alcuni membri dell'equipaggio sono finiti nei guai con la legge. Cos'è successo?

Oscar Camps, Open Arms: Siamo passati dall'essere cittadini europei molto rispettati ... all'essere perseguitati, processati, estorti, rapiti, fucilati o minacciati in acque internazionali. Si tratta ovviamente una campagna diffamatoria. Perché, da un punto di vista giudiziario, non si può fare nulla. Stiamo semplicemente rispettando le convenzioni internazionali e il diritto marittimo.

Ana Lazaro, Euronews: Per concludere, il Patto presentato a Bruxelles è una proposta che deve ancora essere discussa, prima di essere approvata in Parlamento e dagli Stati membri. Cosa dovrebbe essere cambiato in questo testo?

Oscar Camps, Open Arms: Ricordo alla presidente della Commissione europea le parole del suo stesso intervento "il salvataggio in mare non è un optional". Eppure nel testo della proposta quasi non menziona il salvataggio umanitario. Vanno presi in considerazione quei 30mila morti che abbiamo avuto negli ultimi cinque anni. Abbiamo bisogno di operazioni di salvataggio come quelle che abbiamo avuto nel 2014.