ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Condannata, da una corte per minori, una ex SS tedesca

euronews_icons_loading
Euronnews
Euronnews   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tribunale penale di Amburgo ha condannato un ex guardia delle SS di 93 anni a due anni di reclusione. L'uomo è stato accusato di collaborare all'uccisione di 5232 persone nel campo di concentramento di Stutthof. I giudici hanno ritenuto che il 93enne fosse membro della forza di guardia del campo di concentramento di Stutthof per diversi mesi da giovane nel 1944 e nel 1945. Il processo ha avuto luogo secondo il diritto penale minorile perché l'uomo, all'epoca, aveva solo 17 anni nel 1944. La procura aveva richiesto una pena minorile di tre anni di reclusione, mentre la difesa aveva richiesto l'assoluzione. Già all'inizio del processo, nell'ottobre dello scorso anno, il 93enne aveva confermato di essere stato una guardia nel campo vicino Danzica dall'agosto 1944 all'aprile 1945. L''uomo aveva però sottolineato che non era diventato volontariamente una guardia.

Nana Frombach, portavoce del procuratore: "L'accusato ha fornito informazioni sulle sue attività nel campo di concentramento di Stutthof, senza le quali le indagini dell'accusa non avrebbero potuto essere svolte".

35 sopravvissuti al campo di concentramento hanno preso parte al processo. Alcuni di loro hanno espressamente espresso il desiderio che il 93enne non fosse imprigionato. In tribunale, l'uomo aveva chiesto scuse ai sopravvissuti e ai superstiti delle vittime del campo di concentramento.

Il campo speciale di Stutthof fu dapprima sotto il controllo della Gestapo di Danzica, la temuta polizia di stato segreta, poi le SS come campo di lavoro e in seguito come campo di sterminio. Un totale di 110.000 persone furono imprigionate in questo campo di concentramento, circa 65.000 vi perirono.