ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Srebrenica, a 25 anni dal massacro

euronews_icons_loading
Srebrenica, a 25 anni dal massacro
Diritti d'autore  Kemal Softic/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La Bosnia sta ricordando il 25° anniversario del massacro di Srebrenica, l'unico crimine in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale che è stato dichiarato un genocidio, con solo un piccolo numero di sopravvissuti autorizzati a prendere parte a eventi commemorativi a causa della pandemia di coronavirus.

Così Munira Subasic, presidente dell'associazione "Madri della Srebrenica e Zepa Enclaves": "Voglio inviare alcuni messaggi da questo luogo a coloro che hanno bisogno di ascoltare le vittime del genocidio. Il mio primo messaggio è per i criminali che hanno commesso atrocità e genocidi: vi perseguiteremo e non ci arrenderemo mai. Ci sarà sempre qualcuno che vi insegua. Questo è il nostro diritto e obbligo ".

Anche la presidentesssa della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha inviato un messaggio video: "Dopo un quarto di secolo, Srebrenica è ancora una ferita aperta nella coscienza europea. Ci sono madri che non potranno mai far riposare i propri figli. Famiglie sfollate che non sono mai tornate a casa. Sopravvissuti che continuano a svegliarsi nel cuore della notte. Come donna, madre e moglie, posso solo provare a immaginare la profondità del tuo dolore".

Diverse mostre sono state installate, in particolare i dipinti dell'artista bosniaco Safet Zec dedicati al massacro. Un altra, chiamata "Perché non ci sei?", Dell'artista americana di origine bosniaca Aida Sehovic, è composto da oltre 8.000 tazze di caffè per altrettante vittime del massacro.