ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Grecia: tornano di moda le lunghe traversate in auto, complice la paura del covid-19

euronews_icons_loading
Grecia: tornano di moda le lunghe traversate in auto, complice la paura del covid-19
Dimensioni di testo Aa Aa

Arrivano a migliaia ogni giorno da quando i confini terrestri della Grecia aprono nuovamente ai turisti di tutta Europa.

Lui viene dalla Serbia e ci dice di aver "atteso circa un'ora, è una coda lunga, ho pagato per il visto turistico già a dicembre e nel caso non venisse utilizzato saremmo rimborsati nel 2022. Ma chi aspetta fino a allora!!

Ma c'è anche chi arriva da più lontano, come dal Regno Unito: "Siamo preoccupati per l'infezione, ma se ciascuno rispetta le prescrizione non dovrebbero esserci problemi".

Fino al primo luglio, il confine settentrionale con la Bulgaria sarà l'unico punto per arrivare in Grecia, via terra. Da qui arrivano ogni giorno migliaia di turisti provenienti dagli Stati membri dell'Ue e dalla Serbia.

Le autorità greche conducono test a random per COVID-19 e hanno già rilevato diversi turisti positivi al nuovo coronavirus.

"Ci hanno appena detto di parcheggiare - conferma quest'altro turista che arriva sempre dalla Serbia - di prendere il passaporto e poi faremo il test".

Attraversare il confine potrebbe richiedere più di un'ora, ma si è detto disposto a aspettare Marko che arrivando dalla Serbia aveva nove ore di auto alle spalle e ha attraversato la Bulgaria destinazione penisola calcidica.

Lunghe discussioni hanno preceduto la partenza ma poi la voglia di mare ha avuto la meglio.

"Ne abbiamo parlato a lungo , restare o andare, alla fine abbiamo deciso di andare , perché perdere quest'occasione, l'unico ostacolo poteva essere costituito dal confine dove effettivamente per x ragioni potevano fermarci".

I viaggi in auto da tutta Europa per la penisola Calcidica erano popolari negli anni Ottanta, e oggi sono tornati di moda per il timore di prendere gli aerei, i bus o i treni.

E viaggiare in auto può rivelarsi un'esperienza più completa e comunque da fare anche per Ioannis Koufidis, presidente della Confindustria calcidica:

"Di questi tempi, i viaggi su strada sono molto più facili rispetto al passato. Le reti stradali sono state modernizzate, qui in Grecia, nei Balcani e in tutta Europa. Si viaggia a una velocità media buona che rende raggiungibili in breve tempo anche le mete che sembrano più lontane".

Il confine greco con la Macedonia del Nord e l'Albania riaprirà il 1 luglio.