ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vacanze "sicure" in Grecia: ma dove sono i turisti?

euronews_icons_loading
Vacanze "sicure" in Grecia: ma dove sono i turisti?
Diritti d'autore  Dimitri Messinis/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La Grecia sta lottando per far ripartire il suo turismo, ripristinando i voli ad Atene e Salonicco e le rotte navali verso le isole.
Ma il Covid-19 sta assestando un duro colpo all'industria del turismo in Grecia.

Il Porto del Pireo è pronto ad accogliere i turisti. Ma i turisti sono davvero pochi.

Le rotte navali greche sono state ufficialmente ripristinate dal 25 maggio. Ma il turismo è ricominciato solo quando il 15 giugno sono state riaperte le frontiere.

Niente pienone!

Per scoprire i viaggi in stile Covid-19, abbiamo visitato Paros) (isola greca del Mar Egeo), in quello che normalmente sarebbe stato un fine settimana da tutto esaurito.
Contrordine: niente pienone!

"Le navi possono trasportare al massimo il 65% della loro capacità, ma non siamo arrivati nemmeno a questa percentuale"; spiega Kyriakos Chorianopoulos, capitano della nave "Blue Star Delos".

"I numeri sono diminuiti molto dall'anno scorso, cioè dal periodo del pre-virus. Questo vale per la nostra nave e anche per le isole".
Kyriakos Chorianopoulos
capitano della nave "Blue Star Delos"

Passeggeri "tracciabili"

Al momento dell'imbarco, ogni passeggero deve compilare una scheda informativa dettagliata a scopo di tracciabilità, da conservare negli archivi della compagnia per 14 giorni.
Non è possibile salire a bordo della nave senza questo documento.

Le cabine vengono disinfettate regolarmente. Due persone per cabina, quattro persone se si tratta di una famiglia.

Spiega il giornalista di Euronews, Panos Kitsikpoulos:
"In caso di sintomi sospetti, viene attivato un protocollo speciale, in cui il passeggero viene isolato in cabine apposite fino a quando la nave non raggiunge il porto, dove le autorità locali se ne occuperanno".

Inoltre sulla nave non ci si può sedere dove si vuole. E mentre siamo a bordo, bisogna indossare una mascherina facciale, anche sui ponti esterni della nave.
Gli steward aiutano i passeggeri a navigare con le nuove regole.

Quali regole?

"Indossare una mascherina in tutti gli spazi della nave ed evitare assembramenti", risponde Petros Polias, steward.
"Ricordiamo ai passeggeri di mantenere sempre le distanze. Tutte le superfici vengono costantemente disinfettate per evitare la diffusione del virus".

"L'ansia è alta, la preoccupazione pure, ma la responsabilità personale e le misure che prendiamo nei confronti dei nostri clienti e dei nostri colleghi ci rassicurano", confida l'assistente steward .

Nei bar della nave, i clienti sono invitati a stare a un metro e mezzo di distanza l'uno dall'altro e si consiglia vivamente di pagare con carta di credito piuttosto che in contanti.

E Lo sbarco deve avvenire in modo ordinato, nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

Soddisfatto il giornalista di Euronews Panos Kitsikopoulos all'arrivo a Paros:
"Sono appena arrivato! Non è stato così difficile. Dovevo solo indossare la mascherina, mantenere le distanze e tenermi al sicuro".