I Reds fanno tremare l'Inghilterra con la vittoria e la festa a rischio contagio

I Reds fanno tremare l'Inghilterra con la vittoria e la festa a rischio contagio
Diritti d'autore Jon Super/Jon Super
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Molte migliaia di persone si sono radunate al Pier Head ignorando le distanze di sicurezza e mettendo a rischio la salute pubblica. E' accaduto nelle ultime ore a Liverpool dove un'ondata di indignazione ha percorso il paese

PUBBLICITÀ

Molte migliaia di persone si sono radunate al Pier Head ignorando le distanze di sicurezza e mettendo a rischio la salute pubblica. Ecco cosa è accaduto nelle ultime ore a Liverpool dove un'ondata di indignazione ha percorso il paese. Per festeggiare i Reds, nuovi campioni di Gran Bretagna,  la locale tifoseria è andata totalmente a briglie sciolte tanto che non sono mancati scontri con la polizia in assetto antisommossa, durati fino all'alba.

L'allarme dei social

"Ci sono chiaramente molte persone portatrici del virus che assumono comportamenti antisociali, in giro per il centro città". L'esortazione anche via social è stata quella di ristabilire la distanza sociale ed evitare il massiccio assembramento. Ha parlato anche il sindaco Joe Anderson che tuttavia ha cercato di non contrariare i tifosi. 

L'incubo seconda ondata

In Gran Bretagna il rischio di una seconda ondata di Covid-19 è reale vista l'imponeneza dell'epidemia che ha infuriato sull'isola.  Il quotidiano 'Liverpool Echo' documenta con foto e video (sull'edizione online) gli scontri tra forze dell'ordine e hooligans avvenuti prima dell'alba ("fino alle 2 del mattino") nei pressi della stazione ferroviaria e nel centro cittadino del capoluogo britannico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Liverpool, l'attesa è finita: dopo trent'anni è campione d'Inghilterra

Rishi Sunak si scusa con le famiglie delle vittime del Covid-19 davanti alla commissione d'inchiesta

Regno Unito, inchiesta Covid: l'ex premier Boris Johnson chiede scusa ai familiari delle vittime