ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Pandemia, il mondo riparte con cautela

Pandemia, il mondo riparte con cautela
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Dall'Islanda all'India, il mondo prova a uscire dal blocco disposto dopo la pandemia da coronavirus, che solo in Europa ha superato la soglia del milione e mezzo di contagi. In Italia, dove il blocco era stato introdotto già ai primi di marzo, almeno 4 milioni di persone sono tornate al lavoro, grazie a una parziale riduzione dei limiti decisa dal govenro.

Riaperti parchi e giardini e operativi i trasporti locali, ma le mascherine sono obbligatorie in tutti i luoghi pubblici. Di nuovo al lavoro gli addetti alla ristorazione, per ora solo da asporto, mentre torna la possibilità di celebrare dei funerali, ma con massimo 15 persone.

Da oggi in Germania scuole riaperte. Nel rispetto delle misure di sicurezza sanitaria, prendono il via anche le procedure per gli esami di fine anno nelle classi primarie e nella scuola secondaria.

Anche in Ungheria per 70.000 studenti che hanno svolto il test di ammissione si avvicinano gli esami finali, che si svolgeranno in oltre 1000 sedi.

Priorità alla prevenzione anche in Spagna, dove per l'allentamento del blocco in molte località sono state distribuite mascherine sanitarie, obbligatorie per chi debba viaggiare sulle reti del trasporto pubblico.

In Portogallo i divieti allentati hanno fatto tornare i surfisti sulle spiagge atlantiche. "È brutto tempo, ma è bellissimo surfare. C'è il vento e c'é la corrente, e anche se le onde sono piccole è una situazione fantastica. Sensazioni grandiose, mi sento rinato", dice uno di loro. Resta proibito andare in spiaggia, ma gli sport acquatici sono ammessi, purché svolti rispettando le distanze di sicurezza,. Proibiti anche gli sport di squadra: nelle attività all'aperto sono ammesse massimo 10 persone.