ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Per la Casa Bianca un duello a luci rosse

euronews_icons_loading
Per la Casa Bianca un duello a luci rosse
Diritti d'autore  Evan Vucci/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Negli Stati Uniti alle prese col coronavirus non mancano le stilettate a luci rosse come preludio alle elezioni presidenziali di novembre. Negli ultimi giorni un’accusa di abuso sessuale nei confronti dell’ex vice-presidente Joe Biden, cioè lo sfidante di Donald Trump, è tornata alla ribalta con una serie di inchieste giornalistiche. Biden, candidato democratico alla Casa Bianca, smentisce l'accusa di abusi sessuali rivoltagli da Tara Reade, sua collaboratrice negli anni Novanta quando era senatore del Delaware.

Attacco durate una intervista in TV

Lo ha fatto dopo un lungo silenzio sul tema e dopo essere stato incalzato da una giornalista televisiva. "Queste accuse non sono vere - ha ribadito Biden - Non è mai successo. Perché dopo 27 anni, viene sollevato il tema? Non capisco, ma non ho intenzione di entrare nella discussione. Non la attaccherò". Biden ha dichiarato che l'allora supervisore di Reade e gli ex alti funzionari nel suo ufficio "hanno detto, inequivocabilmente, che la donna non è mai venuta da loro nè si è lamentata o ha sollevato problemi".

Il fair play di Trump

"Possono essere accuse false, come è capitato a me, ma non posso rispondere per Joe Biden" ha tenuto a precisare il presidente Trump che ha ricordato anche il caso di Brett Kavanaugh, a suo avviso accusato ingiustamente di aggressione sessuale dopo essere stato da lui nominato giudice della Corte suprema.