Covid-19: accalcati in aeroporto incuranti delle misure di prevenzione

Covid-19: accalcati in aeroporto incuranti delle misure di prevenzione
Diritti d'autore AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Migliaia di lavoratori stagionali diretti in Germania. Di chi è la responsabilità? Anche il governo vuole fare chiarezza. Aperta un'inchiesta. Esodo ogni anno verso la Germania, che conta su questa monodopera

PUBBLICITÀ

Alla faccia delle misure precauzionali. Una calca di passeggeri affollavano il parcheggio dell'  aeroporto internazionale rumeno di Cluj Napoca.

Circa 2000 lavoratori stagionali attendevano il proprio volo con destinazione Germania di fronte allo stupore dello stesso direttore generale dell'aeroporto, David Ciceo: Non è normale che questa gente sia stata fatta arrivare con un notevole anticipo e senza tener in considerazioni le misure restrittive".

Immediata anche una posizione politica resa esplicita dalla dichiarazione del premer Ludovic Orban:  "Saranno accertate le responsabilità e chi ha sbagliato pagherà, lo stesso direttore dell'aeroporto è responsabile perché non ha informato la Prefettura, cosa inaccettabile".

Aperta un'indagine attentato alla salute pubblica cui spettare accertare colpe e responsabilità. I lavoratori rumeni si dicono più preoccupati per la propria situazione economica che per il covid-19. E in ogni modo la ministra dell'Agricoltura tedesca, Julia Kloeckner, tranquillizza sulle misure di sicurezza adoperate nelle aziende agricole. 

"La distanza tra i lavoratori è assicurata sia sul luogo di lavoro sia sui mezzi di trasporto. Questo nei 14 giorni di quasi quarantena, durante i quali i lavoratori possono comunque lavorare". 

Sono diverse migliaia i lavoratori stagionali partiti anche quest'anno per la Germania per lavorare in agricoltura. I voli avevano destinazione Berlino, Dusseldorf e Baden Baden.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania, la dimora di re Carlo III riapre al pubblico come spazio culturale: al centro l'ambiente

Romania, la coalizione di governo sovrappone le elezioni locali alle europee

Romania: a Nicolești il consueto appuntamento con il festival della salsiccia