ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: container frigo per bare a Tortona, stop delle pompe funebri a Bergamo

euronews_icons_loading
Coronavirus: container frigo per bare a Tortona, stop delle pompe funebri a Bergamo
Diritti d'autore  RAI via EVN
Dimensioni di testo Aa Aa

Non c'è più spazio nella cappella del cimitero e neanche all'obitorio. A Tortona, in provincia di Alessandria, una delle zone più colpite dal Covid-19 in Piemonte, hanno fatto arrivare un container frigorifero, per potervi mettere le salme, in attesa poi della cremazione o dell'inumazione. Il sindaco della cittadina, Federico Chiodi, mostra il container, all'interno del cimitero. "Lì abbiamo il famoso container frigo, che purtroppo è diventato noto perché è quello che dobbiamo utilizzare per aiutarci a stoccare le salme, alloggiarle, fino a quando non sarà possibile effettuare la cremazione per alcuni di loro, oppure inumarle nei loculi per altri", spiega il primo cittadino. "Purtroppo non è possibile mettere i malati di Covid nel terreno".

Mi sono interrogato a lungo se mostrare questa foto o no, per rispetto dei defunti. Trovo però importante che i...

Publiée par Federico Chiodi sur Jeudi 26 mars 2020

Si fermano le pompe funebri nella bergamasca

La situazione è ingestibile nella bergamasca, più importante focolaio d'Italia. I responsabili delle onoranze funebri minacciano l'interruzione delle attività questo lunedì: "Nelle condizioni attuali, chi entra ed esce quotidianamente dalle strutture sanitarie e dalle abitazioni dei parenti dei defunti, diventa infatti non solo una facile preda, ma anche un veicolo perfetto per la diffusione del virus Covid-19. A costo di mettere a rischio il futuro delle loro stesse aziende, gli imprenditori della categoria seguiranno la propria coscienza, interrompendo le attività nel giorno di lunedì 30 marzo", si legge nella nota inviata dalla “Lia”, che raggruppa gli imprenditori del settore. "Nonostante gli appelli (inascoltati) dei giorni scorsi, l'assenza di un monitoraggio sanitario sugli operatori da parte delle autorità e la difficoltà nell'approvvigionamento di dispositivi di protezione, continuano ad esporre la collettività, soprattutto anziani, malati e disabili, ad un enorme rischio di contagio", si sottolinea.

I rappresentanti della categoria chiedono quindi il monitoraggio degli operatori tramite tamponi periodici e un canale di fornitura prioritario (a pagamento) di dispositivi di protezione individuale.

AP Photo/Antonio Calanni
Trasferimento di salme da Seriate (BG) nei crematori fuori regioneAP Photo/Antonio Calanni