EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Coronavirus: dentro l'ospedale del mare di Napoli, tra tute come scafandri e mascherine

Coronavirus: dentro l'ospedale del mare di Napoli, tra tute come scafandri e mascherine
Diritti d'autore Koosha Mahshid Falahi/AP
Diritti d'autore Koosha Mahshid Falahi/AP
Di Luca Palamara
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Viaggio dentro il nosocomio ai tempi del coronavirus: Ciro Verdoliva dg Asl Napoli 1: "le istituzioni sanno cosa fare, chi non ha competenze non ha voce in capitolo"

PUBBLICITÀ

Prima il nord Italia, poi pian piano tutta la Penisola. Il coronavirus dalla zona rossa, com'era prevedibile, è arrivato nelle altre regioni: ora si trova in 19 su 20. 

Gli ospedali devono aumentare del 50 % i posti in terapia intensiva

Gli ospedali, già sovraccarichi come ogni inverno per la normale influenza, vivono una rivoluzione; arrivano infatti misure speciali per mettere in sicurezza il personale sanitario e gli altri pazienti.

Ciro Verdoliva, direttore generale della ASL Napoli 1 spiega che è stata allestita una stanza per l'isolamento dove finiscono i pazienti sospettati di infezione da coronavirus. Prima del test gli viene fornita una mascherina e il personale che li tratta indossa tute speciali. 

**Luca Palamara, giornalista, **ci racconta qual è la situazione all'ospedale del mare di Napoli, Campania, una regione che ad oggi conta 31 contagiati. Un po' tutti gli ospedali d'Italia si adeguano alle nuove direttive: il governo ha stabilito, infatti, che i posti in terapia intensiva debbano aumentare del 50 % e che in pneumologia debbano raddoppiare. La chiusura delle scuole e delle università serve anche a questo: a ritardare il picco della malattia e preparsi al meglio.

Il coronavirus non è una pandemia ingestibile: le istituzioni sanno cosa fare

In questo contesto di grandi cambiamenti nella vita quotidiana e grande attenzione mediatica, anche il panico collettivo è un nemico da tenere a bada; Verdoliva ricorda che "le istituzioni sanno cosa fare: nessuno che non abbia competenze e ruoli si deve inventare cose". 

Le istituzioni sanno cosa fare. Sul coronavirus nessuno che non abbia competenze si inventi 'cose'
Ciro Verdoliva
DG Asl Napoli 1

E la gente non deve ascoltare fonti non ufficiali. I mezzi ci sono: ogni ASL o ospedale ha un numero d'emergenza per il coronavirus: fondamentale per evitare che eventuali contagiati si rechino in ambulatori e pronto soccorso diffondendo la malattia. Fondamentale anche per contenere le paure: "La sensazione che ho - racconta Carmen Aprea, medico - è che ci sia una nevrosi collettiva per una pandemia ingestibile e quindi per minimi sintomi si rivolgono a noi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19: ecco il nuovo ospedale da campo realizzato dagli Alpini e da Emergency

Il paradosso della mascherina contro il coronavirus: come il panico può mandare in crisi un'azienda

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni, evacuato carcere Pozzuoli