ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Germania che non vuole accordi con l'estrema destra

euronews_icons_loading
La Germania che non vuole accordi con l'estrema destra
Diritti d'autore  Mission Lifeline
Dimensioni di testo Aa Aa

Due agorà non nuove alle posizioni contrapposte: in Germania, Erfurt e Dresda sono nuovamente teatro di opposte ragioni politiche. Migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro i gruppi di destra e per porre un argine a eventuali future coalizioni con l'Afd, Alternative für Deutschland, che si colloca su posizioni estreme tra le forze sovraniste tedesche.

Il caso scatenante: le elezioni in Turingia

L'elezione a sorpresa del liberale Thomas Kemmerich in Turingia, favorita dall'appoggio dei partiti conservatori, aveva già alimentato il dissenso con una serie di manifestazioni spontanee in tutta la Germania.
Di fronte alle proteste, Kemmerich aveva rinunciato al mandato, ma l'accordo elettorale ha provocato un sisma politico, con le successive dimissioni della presidente della CDU, il partito di Merkel, Annegret Kramp-Karrenbauer. Anche in Turingia, il leader della CDU, Mike Mohring, ha annunciato venerdì la sua partenza per consentire una "pacificazione" in seno al partito.

A Dresda, i dimostranti si sono mobilitati in risposta alla marcia dell'estrema destra in occasione del 75° anniversario del bombardamento a fuoco di Dresda.