ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Germania: si dimette neogovernatore della Turingia

euronews_icons_loading
Germania: si dimette neogovernatore della Turingia
Diritti d'autore
dpa via AP/ Alle Rechte vorbehalten - Michael Reichel
Dimensioni di testo Aa Aa

Si dimette Thomas Kemmerich (nella foto in alto), il neo governatore della Turingia eletto con i voti dell'ultradestra di Alternative für Deutschland. E chiede nuove elezioni. L'appoggio di Afd al candidato liberale ha destato un'ondata di indignazione in tutto il paese. Persino la cancelliera Merkel è intervenuta parlando di un "brutto giorno per la democrazia". Il suo partito, la Cdu, a livello locale appoggiava quel governo. Una cosa imperdonabile per lei e che rischiava di travolgere anche il governo federale.

Resa dei conti nella Cdu

fermo immagine del video
Mike Mohringfermo immagine del video

Lo vedete Mike Mohring, è lui il responsabile della Cdu della Turingia. Dopo lo scandalo dell'accordo è stato sottoposto a un voto di fiducia all'interno del partito, l'ha vinto e ora vuole risolvere questa crisi senza andare a nuove elezioni.

Ha preso le distanze da Kemmerich persino il leader federale dei liberali:

fermo immagine del video
Christian Lindner, presidente federale Fdpfermo immagine del video
Non sarei in grado di continuare il mio incarico di presidente del partito se una parte di questo, anche solo una divisione regionale, cercasse sistematicamente la cooperazione con l'Afd o accettasse la dipendenza da questo partito
Christian Lindner
presidente federale Fdp

Il portavoce dell'Afd, Alexander Gauland, ha difeso invece il voto del parlamentino della Turingia: "Questo mi ricorda alcune delle proposte fatte nel dibattito sulla Brexit nel Regno Unito: votare fino a quando non si arriva al giusto risultato, fino a quando non viene scelto il giusto primo ministro. Non penso che sia molto democratico ".

fermo immagine del video
La "stretta della vergogna"fermo immagine del video

Quella che vedete è stata definita dal quotidiano tedesco Bild "la stretta della vergogna". Kemmerich stringe la mano a Höcke, segretario dell'Afd della Turingia.

Grazie ai voti di questo partito Kemmerich è riuscito a sopresa ad avere la meglio sul candidato uscente Bodo Ramelow. Voto che ha causato l'indignazione popolare, che ha portato poi alle dimissioni.

fermo immagine del video
Proteste a Berlinofermo immagine del video

Le parole di Angela Merkel dopo l'elezione di Kemmerlich

"L'elezione di questo governatore è stato un processo unico che ha rotto con una convinzione di base per la CDU e anche per me, vale a dire che non ci può essere nessuna maggioranza con l'aiuto di Afd".

È stato un brutto giorno per la democrazia
Angela Merkel
cancelliera tedesca

"È stato un giorno che ha rotto con i valori e le credenze della CDU - continua Merkel - E tutto deve essere fatto ora per chiarire che ciò non può in alcun modo conciliarsi con ciò che la CDU pensa e fa".

Le parole di Kemmerlich dopo il voto

"Il nostro compito ora è quello di formare un governo diverso - dice Thomas Kemmerich - orientato ai fatti e competente. Farò un invito a CDU, SPD e Verdi per prendersi le loro responsabilità e cercare insieme soluzioni per la Turingia". All'insediamento del nuovo governatore i fiori di congratulazioni sono stati gettati ai suoi piedi in segno di protesta.

Bodo Ramelow fatto fuori con un accordo all'ultimo minuto

fermo immagine del video
Bodo Ramelowfermo immagine del video

Tutti si aspettavano che sarebbe stato rieletto Bodo Ramelow, il governatore uscente dell'Spd, che ha vinto le elezioni. Ma nel parlamentino della Turingia i voti dell'estrema destra sono confluiti sul liberale alla terza votazione facendolo vincere per un voto.

Höcke accostato a Hitler

Subito sui social si è riversata l'indignazione per il ritorno di un partito che molti definiscono neonazista. Guy Verhofstadt, presidente dei liberali nell'europarlamento, ha subito preso le distanze e ha accostato "la stretta della vergogna" tra Kemmerlich e Höcke a quella di Hitler.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.