ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Impeachment: il fattore John Bolton, guai seri in arrivo per Trump

euronews_icons_loading
Impeachment: il fattore John Bolton, guai seri in arrivo per Trump
Diritti d'autore
AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Venerdì 31 gennaio è il giorno della grande prova per il processo in corso di impeachment contro Donald Trump. La messa in stato di accusa per il Capo della Casa Bianca, infatti, potrebbe arrivare al punto culmine e influenzarne pesantemente il corso.

Le rivelazioni bomba dell'ex consigliere per la sicurezza nazionale di stato americana, John Bolton, licenziato da Trump lo scorso settembre, erano state anticipate il 26 gennaio dal New York Times e rappresentano il cuore del processo tutto.

Nel libro in uscita a marzo, dal titolo "The room where it happened: a White House memoir" (già in testa alle classifiche di prenotazione Amazon) Bolton afferma che il tycoon disse di voler congelare gli aiuti militari all'Ucraina, finché Kiev non avesse annunciato un'inchiesta sui Biden.

Per approfondire sulla questione Ucraina/Biden/Trump ➡️ leggi qui

La Casa Bianca intanto ha inviato un'ingiunzione formale all'ex consigliere per impedirgli di pubblicare il libro, cercando così di porre un freno al pericolo che la testimonianza, se accettata, potrebbe rappresentare. Un argine che Trump ha voluto rafforzare attraverso il solito tweet in cui nega le accuse.

"Non ho mai detto a John Bolton che l'aiuto all'Ucraina fosse legato all'inchiesta sui democratici... Se John Bolton lo ha riferito è soltanto per le vendite del suo libro" ha cinguettato il presidente americano.

Il presidente della commissione Intelligence della Camera dei rappresentanti americana, Adam Schiff, nel dibattito in corso ieri, che si concluderà oggi 30 gennaio, è stato chiaro per quanto concerne la sua posizione:

"Senza testimoni non è possibile avere un giusto processo e quando si ha un testimone così rilevante come John Bolton, che arriva al cuore del problema sulla questione più seria in campo, quella sul comportamento scorretto del Presidente, un testimone che si è presentato spontaneamente qui, cosa fare mandarlo via girarsi dall'altra parte? Credo sarebbe estraneo dall'imparzialità cui deve rispondere un giurato"
Adam Schiff

In mano a Schiff, ricordiamolo, c'è in ballo la questione democratica in sé del Paese, nonché l'esito molto probabilmente delle future elezioni presidenziali. Il presidente della commissione Intelligence della Camera dei rappresentanti, infatti, ha tra le prorogative del suo ruolo quelle di chiamare i testimoni, ascoltarli, interrogarli, raccogliere le deposizioni, richiedere i documenti.

Alcuni senatori repubblicani hanno già manifestato la loro disponibilità a sostenere la richiesta democratica di introdurre nuovi documenti e nuovi testimoni. Una rottura di fatto della compattezza granitica tra i conservatori, incrinata già anche dal fattore "numero", non sufficiente il loro per eventualmente impedire la produzione delle testimonianze.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.