ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Algeria piange l'ultimo uomo forte

L'Algeria piange l'ultimo uomo forte
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di persone hanno preso parte ad Algeri ai funerali del Capo di Stato maggiore e vice ministro della Difesa, Ahmed Gaid Salah, morto per un infarto all'età di 79 anni. La tv di stato ha mostrato le immagini della bara avvolta nella bandiera algerina mentre veniva trasportata dai militari in mezzo alla folla fino ad arrivare al Palazzo del popolo dove migliaia di cittadini gli hanno reso omaggio.

Salah era considerato l'uomo forte dell'Algeria ed ha svolto un ruolo fondamentale nel periodo della "transizione algerina", dalle dimissioni di Abdelaziz Bouteflika, ad aprile scorso dopo le proteste popolari, fino alle elezioni presidenziali che hanno portato alla vittoria il candidato a lui vicino, Abdelmadjid Tebboune. Dopo la vittoria, Tebboune ha assegnato a Gaid Salah l'Ordine nazionale al merito, la più alta onorificenza dell'Algeria.

Nessuno è mai stato cosî a lungo a capo delle forze armate algerine, 15 anni. È stato lui a dare ordini alla politica dopo le dimissioni di Bouteflika e non viceversa. È stato sempre fedele al vecchio uomo di Stato prima di abbandonarlo al suo destino viste le montanti proteste. Bouteflika si era ostinato a voler organizzare nuove presidenziali che i rivoltosi vedevano come una maniera di mantenere in vita un regime. Salah, che con quel regime ha collaborato per anni, è riuscito a smarcarsi e diventare, lui capo delle forze armate, una delle figure chiave del nuovo corso algerino.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.