ULTIM'ORA
This content is not available in your region

India: la protesta dei musulmani contro la legge sulla cittadinanza

euronews_icons_loading
India: la protesta dei musulmani contro la legge sulla cittadinanza
Diritti d'autore  AP   -   Aijaz Rahi
Dimensioni di testo Aa Aa

Allāhu akbar, Allah è il più grande e per questo i suoi fedeli non hanno bisogno di una legislazione che li tuteli dalle persecuzioni a causa della loro religione. Così, ma in altre parole, ha disposto il primo ministro indiano, Narendra Modi, nella nuova legge sulla cittadinanza (Citizenship Amendment Bill - Cab), che da due settimane sta scatenando le proteste dei musulmani. Sono almeno 20 le vittime negli scontri di piazza tra studenti e Polizia a New Delhi. Il premier ha convocato una riunione del consiglio dei ministri per discutere della sicurezza nel Paese.

Il contestato provvedimento prevede che possano ottenere la cittadinanza i rifugiati di sei confessioni religiose proveniente dai tre Paesi confinanti con l'India - Pakistan, Afghanistan e Bangladesh - ma esclude i musulmani, che - ha commentato Modi - non hanno nulla di cui preoccuparsi.

"Stanno creando una frattura, stanno tentando di emarginare i 200 milioni di persone", hanno detto i docenti dell'Università musulmana di Aligarh, che hanno marciato pacificamente contro la legge lunedì. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha definito la riforma “essenzialmente discriminatoria.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.