ULTIM'ORA

Libano, terza settimana di proteste. Il Presidente Michel Aoun invoca l'unità nazionale

Il Presidente del Libano, Michel Aoun, parla ai cittadini in diretta televisiva.
Il Presidente del Libano, Michel Aoun, parla ai cittadini in diretta televisiva.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

BEIRUT (LIBANO) - L'intervento del Presidente Michel Aoun, in diretta televisiva, non placa le proteste in Libano, anzi: le incancrenisce.

È la terza settimana di manifestazioni nel paese dei cedri, al centro di una crescente tensione socio-economica, acuita dal caro-vita e dalla sfiducia nei confronti dei politici.

A Beirut e in altre città, alcune strade restano bloccate dai manifestanti, le scuole sono ancora chiuse.

Nella notte, un gruppo di attivisti ha preso d'assalto la sede dell'associazione delle banche libanesi, ritenute responsabili della crisi economica e della svalutazione della lira libanese rispetto al dollaro.

REUTERS/Goran Tomasevic
L'Esercito sorveglia l'esterno di una banca libanese.REUTERS/Goran Tomasevic

Nel giorno del terzo anniversario della sua presidenza, Michel Aoun dichiara:

I ministri dovrebbero essere scelti in base al merito e all'esperienza e non in base alla lealtà politica o per piacere ai leader di una o dell'altra fazione.
Il Libano si trova ad un pericoloso crocevia della propria storia. Dobbiamo ridare vigore allo stato dei cittadini e della cittadinanza, è questa l'unica via di salvezza per il Libano".
Michel Aoun
84 anni, Presidente del Libano dal 31 ottobre 2016
Sventola la bandiera del Libano: al centro, un cedro. Il simbolo del paese.

Verso un nuovo governo, con il beneplacito di Hezbollah

Dopo le dimissioni del premier sunnita Saad Hariri - definite dal Presidente Aoun (un cristiano) "una perdita di tempo" - lo stesso Aoun non ha ancora avviato le consultazioni per il nuovo governo.

Per uscire dalla crisi, lo stesso premier dimissionario Hariri si è proposto per guidare un esecutivo tecnico, ma il ministro dell'interno sunnita Raye al-Hassan sembra il candidato più forte, ammesso che ottenga il via libera dalla milizia sciita Hezbollah (il "Partito di Dio"), autentico stato nello stato.

È stato proprio Hezbollah a rivendicare, due notti fa, l'abbattimento del drone israeliano, colpito e precipitato nel sud del Libano, nella zona di Nabatiye.

"Resteremo nelle strade"

E, intanto, le proteste di piatta continuano.
Dice una residente di Beirut, Mayssa al-Riz:
"Noi, nelle strade, speravamo che il Presidente Aoun dimettesse. Ma non si è dimesso. Non so dove stiamo andando, quali saranno i prossimi passi che faremo, ma quello che è certo è che resteremo per le strade fino a quando le nostre richieste non saranno accolte".

Mayssa al-Ritz: "Resteremo per le strade".
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.