This content is not available in your region

Al Serraj all'Onu: "Haftar criminale"

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Al Serraj all'Onu: "Haftar criminale"

Un attacco esplicito al suo anatagonista Haftar, definito "criminale assetato di sangue". Una denuncia contro le "interferenze" di paesi come Francia ed Egitto. Un appello a tornare al dialogo, ma solo dopo aver sconfitto l'offensiva su Tripoli che dura da mesi. Sono alcuni dei punti toccati davanti all'Assemblea generale dell'Onu a New York da Fayez al-Serraj, premier del Governo libico di unità nazionale, che ha così voluto presentarsi come il rappresentante legittimo ed esclusivo delle istituzioni libiche.

Di Maio e Le Drian presiedono insieme

Sempre al Palazzo di Vetro per la giornata di giovedi è in programma un incontro sulla Libia presieduto insieme dai ministri degli Esteri di Roma e Parigi, Di Maio e Le Drian. Nonostante le passate divergenze, i due paesi - che hanno elaborato una road map congiunta - si dicono ora disponibili a impegnarsi in un processo politico che culminerà nella Conferenza di Berlino in agenda per ottobre; conferenza alla quale Di Maio propone la partecipazione anche di Algeria Tunisia.

Haftar apre al dialogo

Sul terreno intanto, il generale Haftar, dopo averlo a lungo respinto, apre a un possibile dialogo con l'Onu, seppure a determinate condizioni, ma prosegue il suo attacco alla capitale che continua a causare morti e feriti.