EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'inferno di Moria, il campo per i rifugiati dell'Isola greca di Lesbos

L'inferno di Moria, il campo per i rifugiati dell'Isola greca di Lesbos
Diritti d'autore REUTERS/Alkis Konstantinidis
Diritti d'autore REUTERS/Alkis Konstantinidis
Di Apostolos StaikosSimona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Quasi 11.000 persone. E' il numero ingombrante dell'Isola greca di Lesbos, Moria, dove, dalla crisi che l'ha travolta nel 2015, gli arrivi quotidiani spesso superano le centinaia di unità

PUBBLICITÀ

Quasi 11.000 persone. È il numero ingombrante dell'Isola greca di Lesbos, Moria, dove dalla crisi che l'ha travolta, nel 2015, gli arrivi quotidiani spesso superano le centinaia di unità.  Secondo le statistiche dell’Alto commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, le nazionalità più numerose sono afgane mentre seguono quelle siriane. Tremila in tutto i minori presenti a Moria, 240 gli ultimi arrivati tra loro.

Le condizioni sanitarie sono al limite della decenza e molte persone vivono stipate in un'unica tenda. I rifugiati sono richiedenti asilo e la lentezza che caratterizza i loro procedimenti allunga lo status indecente delle loro condizioni. Fuggite dai loro inferni, migliaia di persone si ritrovano così in un nuovo incubo.

E sono i bambini, nonostante tutto, come potete constatare guardando le immagini del servizio che vi proponiamo, a consegnare al quadro drammatico vigente un'apparente condizione di normalità. Loro, i bambini, continuano a giocare a scambiarsi pezzi di allegria tra calcinacci e acqua sporca e per i genitori sono certo la maggiore preoccupazione, come riferisce Hazrat Yagubi a esempio:

"Non abbiamo nemmeno una vera tenda e ho paura per quando arriverà la pioggia. Ma quello che piu' mi preoccupa è che i miei bambini non potranno andare a scuola. Stanno perdendo del tempo devono imparare le lingue, per me questa è una priorità".

HAZRAT YAGHUBI CON I SUOI FIGLI

Soltanto a una parte dei refugiati, inoltre, è concessa la possibilità di spostarsi in Grecia per necessità. In particolare i minori non accompagnati, i genitori single e gli anziani. La storia di Fowziye Rezaei, a esempio, che ha dovuto scegliere fra la salute e l'amore per il figlio, è emblematica:

"Ho 60 anni e sono malata. Mi fanno male le ginocchia e ho un problema al cuore. Le autorità mi hanno dato il permesso di andare ad Atene per farmi visitare, ma non permettono a mio figlio di accompagnarmi. Ho protestato ma niente... Come faccio a viaggiare da sola, è inumano..".

Al momento Il governo greco, come riferisce il Corriere della Sera, intende trasferire circa 1000 rifugiati appartenenti a gruppi ad alta vulnerabilità, dall’hotspot di Moria al centro di Nea Kavala nella zona di Kilkis, nella Grecia settentrionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'isola di Lesbo scoppia di migranti e per la tensione

Grecia, innalzano di nuovo la croce rimossa da Lesbo: arrestati

Grecia, la rotta dalla Libia spaventa l'isola di Gavdos: 1.500 migranti in tre mesi