Crisi di governo: al Quirinale salgono i big della politica

Crisi di governo: al Quirinale salgono i big della politica
Di Giorgia Orlandi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al Quirinale salgono i big della politica. Al Colle Meloni, Zingaretti e Berlusconi

PUBBLICITÀ

Proseguono le consultazioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Quirinale. Le dichiarazioni della mattinata non hanno, tuttavia, aiutato a chiarire se ci sarà e da chi sarà composto un nuovo governo della XVIII legislatura.

Al Colle è stata la volta del Pd. Il segretario Nicola Zingaretti ha fatto sapere di essere pronti a un governo di svolta con il Movimento Cinque Stelle, per l'avvio di una fase politica nuova nel segno della discontinuità politica e programmatica. “Disponibili – ha detto Nicola Zingaretti - ma i 5 punti scelti nella direzione del partito non sono negoziabili.

Al Colle anche la delegazione di Fratelli d'Italia, con a capo Giorgia Meloni che punta al voto, e quella di Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi. Ad accompagnare l’ex premier, ci sono Antonio Tajani e le due capigruppo, Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini.

La prima differenza emersa con le delegazioni di Fdi e Pd, è che i rappresentanti di Forza Italia sono entrati nel palazzo del Quirinale in automobile e non a piedi. Berlusconi ha sottolineato un secco “No” a maggioranze improvvisate, quindi largo a un governo di centrodestra o subito alle urne. “Non siamo degli improvvisatori, ci siamo dedicati a stendere una dichiarazione», ha esordito Berlusconi.

Quattordici mesi dopo le precedenti votazioni, l’esperimento fallimentare del governo ha portato l’Italia in una crisi profonda. I governi vanno costruiti con il tempo, non dopo il voto, ma prima del voto. Con persone che hanno esperienza. Un governo non può nascere in laboratorio, non può funzionare se basato su un contratto.” Netta anche la posizione di Fratelli d’Italia: sciogliere le camere e indire immediate elezioni. Altre soluzioni non ci sono.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il governo italiano, una partita anche europea

"Salvini? Strabico in economia; un governo credibile è una pia speranza"

Crisi: Conte bis e semplice rimpasto, voto subito o nuove alleanze?