Crisi: Conte bis e semplice rimpasto, voto subito o nuove alleanze?

Crisi: Conte bis e semplice rimpasto, voto subito o nuove alleanze?
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tante le ipotesi in campo. Cresce il dubbio che Salvini non abbia ritirato i ministri capito il boomerang; il rimpasto è un'ipotesi e anche il Conte bis (con salita del primo ministro al Quirinale prima del voto di sfiducia).

PUBBLICITÀ

Gelo tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio nel giorno della commemorazione dei morti di Genova. La situazione è fluida e tutto nella crisi italiana potrebbe ancora succedere, anche un mezzo dietrofront di Salvini seguito da un rimpasto. Il Senato ha dimostrato che c'è una maggioranza per mettere in minoranza la Lega. Forse è proprio questo il motivo per cui Salvini non ha ritirato i ministri, perché teme il "lodo Bettini": il patto M5s- Pd. 

Bisognerà aspettare il 20 agosto, comunque, il giorno in cui Giuseppe Conte parlerà in senato, per capirne qualcosa di più. A palazzo madama la Lega, e ovviamente le opposizioni, espliciteranno con le loro dichiarazioni di non appoggiare il primo ministro. Prima di essere sfiduciato col voto d'aula Conte potrebbe prenderne atto, salire al Quirinale e, secondo un' ipotesi,  ottenere un incarico esplorativo. 

Se dovesse esserci un'altra maggioranza in questo parlamento la legislatura continuerà. Se invece non si trova una maggioranza alternativa allora il presidente della Repubblica potrebbe sia sciogliere le camere e indire elezioni anticipate in autunno, sia proporre un governo del presidente a tempo.

In tutto ciò molti considerano un bluff, un piano per far saltare il lodo Bettini, la volontà di Salvini, espressa in senato, di votare il taglio dei parlamentari, caro al M5s, e poi andare al voto. 

La riforma costituzionale del parlamento, infatti, richiede tempi lunghi dopo l' ultima lettura. Sarà necessariamente seguita da una riforma della legge elettorale almeno per ridisegnare i collegi. Se poi dovesse passare senza la maggioranza dei due terzi, sarà seguita da un referendum dunque sei, sette mesi di lavori, altro che voto subito come vorrebbe il leader della Lega...Salvini dunque dovrà confrontarsi anche col Quirinale, intenzionato a garantire che la riforma costituzionale arrivi fino in fondo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi di governo: al Quirinale salgono i big della politica

Crisi: Conte-Salvini, il giorno della sfida

Golfo di Napoli, la plastica riutilizzabile meglio del polistirolo per combattere l'inquinamento