Incendi in Siberia: ministero ottimista, Greenpeace pessimista

Incendi in Siberia: ministero ottimista, Greenpeace pessimista
Diritti d'autore Press Service of the Republic of Sakha (Yakutia) Government/Handout via REUTERS
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Balletto delle responsabilità e dei numeri sugli incendi ancora in atto in Siberia. Secondo il ministero della Difesa russo, i roghi sono circoscritti, ma per Greenpeace l'estensione del fuoco cresce gradualmente: 4,5 milioni di ettari, un territorio grande come la Danimarca o l'Estonia...

PUBBLICITÀ

Balletto delle responsabilità e dei numeri (gli ettari di terreno devastati dal fuoco) sugli incendi in Siberia: Il ministero della Difesa russo è ottimista, Greenpeace è pessimista. 

Incendi estinti o no?

Il ministero ha annunciato: gli incendi nella regione di Krasnojarsk sono estinti.
Secondo i dati ufficiali, in quasi una settimana, le forze aeronautiche russei hanno spento gli incendi su un'area di oltre un milione di ettari, facendo cadere oltre 8 milioni di tonnellate di acqua nelle foreste di Krasnoyarsk.

Il Governatore della regione di Krasnojarsk, Alexander Uss, ha annunciato una "svolta radicale" nella lotta contro gli incendi.

Gli ecologisti dell'associazione Greenpeace sono, però, fortemente in disaccordo con questo ottimismo.

"L'estensione degli incendi cresce gradualmente"

Anton Beneslavsky, di Greenpeace, intervistato via Skype da Euronews.

"Al momento, secondo i dati del monitoraggio, incluso quello utilizzato dalle autorità della Federazione Russa, il territorio coperto da incendi che sta bruciando ora è di 4,5 milioni di ettari. Un territorio grande quanto la Danimarca o l'Estonia", spiega Anton Beneslavsky, esperto di incendi di Greenpeace.
"Significa che l'estensione del fuoco cresce, cresce gradualmente".

"Quando si verifica un incendio di queste dimensioni, intaccando milioni di ettari per volta, è già impossibile dire di aver circoscritto il fuoco in tutto questo territorio e non si può fermare completamente la diffusione dei focolai.
Purtroppo non possiamo far altro che aspettare la pioggia".
Anton Beneslavsky
esperto di incendi di Greenpeace

Incendi spenti per fine agosto? Greenpeace teme di no

Greenpeace teme che sarà impossibile spegnere del tutto i roghi in Siberia entro la fine di agosto.
Per farlo, secondo l'associazione ecologista, servirebbero mezzi e forze anti-incendio molto superiori a quelli in dotazione alle autorità siberiane. 

Fumo senza frontiere

Già da alcuni giorni, il fumo delle foreste siberiane ha attraversato lo stretto di Bering, raggiungendo Stati Uniti e Canada.

Un incendio nei pressi del fiume Yenisei, definito "l'autostrada d'acqua della Siberia".
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siberia: esplode un deposito d'artiglieria, 15mila evacuati

Le foreste siberiane in fiamme

Siberia in fiamme: petizione online di 800 mila russi