Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Ansia da clima, ne stiamo facendo una malattia

Ansia da clima, ne stiamo facendo una malattia
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Caldo record a giugno in Europa e nel mondo. Secondo il Copernicus climate change service dovremo abituarci a questi eventi estremi perché il pianeta continua a riscaldarsi a causa delle crescenti concentrazioni di gas serra.

"Ci saranno problemi. Il mondo starà bene ma senza di noi. Dobbiamo preoccuparci dei nostri figli" dice una cittadina di Budapest.

Per alcuni il cambiamento climatico è diventata una vera e propria ossessione, tanto che l'associazione di psicologi americani discute se inserire l'ansia da clima tra la lista dei disturbi mentali.

Questa psicologa ungherese l'ha già riscontrata in alcuni suoi pazienti. "Ho dei pazienti che sono venuti da me con questo problema - dice la psicologa Eszter Hatszegi - Sono così in ansia per il cambiamento climatico che non riescono ad avere una vita normale, sana".

In città a questo si aggiunge la frustrazione di poter fare poco.

"Faccio quello che posso per esempio non compro bottiglie di plastica, la mia prossima auto sarà ibrida, faccio tutto quello che è in mio potere" dice un cittadino ungherese.

In campagna gli effetti del cambiamento climatico si avvertono di più. Questo contadino ne paga le conseguenze anno dopo anno.

"Ecco cosa è successo quest'anno: non abbiamo avuto pioggia durante l'inverno, poca in primavera e avevamo paura che l'erba non sarebbe cresciuta proprio. Non sapevamo se potevamo dare da mangiare agli animali o meno" dice il contadino András Ordog.

Come vedete la terra è abbastanza secca e il contadino ha solo un terzo del fieno che gli serve per tirare tutto l'inverno, ma le sta studiando tutte per risolvere il problema.

"Qui si crea un canale che va fino a valle - dice il contadino András - L'anno scorso con dei semplici sacchi di sabbia siamo riusciti a interrompere il flusso d'acqua e mandarlo verso il prato, alla fine abbiamo ottenuto buoni risultati e abbiamo potuto raccogliere 60 balle di fieno".

Ma se non c'è acqua nel canale, nessuna opera di ingegno può risolvere il problema, per questo il contadino András sta pensando di vendere gli animali e tenere solo quelli che può nutrire.