Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondiale femminile: Lione, dove le giovani calciatrici sognano di essere Ada Hegerberg, non CR7

Mondiale femminile: Lione, dove le giovani calciatrici sognano di essere Ada Hegerberg, non CR7
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre i Mondiali di calcio femminile sono in pieno svolgimento in Francia, c'è almeno una ragazzina nella periferia sud-est di Lione - città che ospiterà le semifinali e la finale della competizione - che guarda in là e ha già puntato le prossime edizioni della Coppa del mondo sognando di ripercorrere le orme di Ada Hegerberg.

Salomé Munnia-Vincent ha dieci anni ed è all'ultimo anno di scuola elementare. Gioca per l'FC Gerland, una squadra di calcio femminile locale attiva da tre anni. Ha sede allo Stade Gerland, l'ex casa dell'Olympique Lyonnais (OL), ora trasferitosi al Groupama Stadium. Tra le calciatrici cresciute nel suo vivaio spicca la difensore diciottenne dell'OL Féminin, Selma Bacha.

Ovviamente la calciatrice preferita di Salomé è proprio Selma Bacha. La sua camera da letto è tappezzata di foto delle eroine dell'OL e della nazionale femminile francese. "A volte Selma viene a trovarci e penso che sia davvero simpatica, soprattutto perché dedica del tempo a stare con noi nonostante sia una professionista, e i professionisti hanno bisogno di molto tempo per allenarsi".

Salomé ha trascorso i primi sei anni della sua vita negli Stati Uniti, a Boston, dove il calcio (o soccer) è stato per molto tempo considerato appannaggio delle giocatrici più che dei giocatori - anche per l'ingombrante "concorrenza" del football americano.

"Quando sono tornata in Francia, avevo già iniziato a guardare le prime partite di calcio" dice Salomé a Euronews. "Poi sono andata ad una festa di compleanno di una mia amica e ci siamo divertite a giocare a calcio. Così mi sono interessata, ho fatto qualche ricerca e trovato l'FC Gerland".

Le piace il calcio perché "è uno sport all'aperto e si può correre" e dice che le piacerebbe essere una calciatrice professionista. Se questa non dovesse essere un'opzione percorribile, ("se un giorno non dovessi essere abbastanza brava o mi dovessi fare male"), "vorrei insegnare sport".

La sua squadra gioca spesso contro i maschietti per il semplice motivo che ci sono molte meno squadre femminili in circolazione. Ciononostante, aggiunge Salomé, quando hanno l'opportunità di giocare contro altre ragazze "si divertono molto".

"I ragazzi si arrabbiano di più quando qualcuno dice qualcosa di contrario a quello che vogliono fare, mentre le ragazze sono meno frustrate. A volte contro i ragazzi vinciamo, ma non molto spesso perché sono un po' più forti. Quado vinciamo è perché giochiamo insieme, da vero gruppo. I ragazzi sono più individualisti, giocano bene ma noi abbiamo più spirito di squadra".

"A volte sento i ragazzi che dicono 'oh, giochi a calcio, è proprio strano', e io dico che non è strano perché tutti possono farlo. All'inizio me lo dicevano a scuola, ma ora penso che si siano abituati e hanno imparato a convivere con questo fatto".

Salomé Munnia-Vincent, 10 anni, nella sua cameretta piena di poster - Euronews

Salomé ha in programma di guardarsi tutte le partite di Coppa del Mondo con suo padre Serge, che spesso arbitra le partite del FC Gerland. I due hanno i biglietti per le semifinali, dove la piccola spera di rivedere alcune delle sue idole dell'OL.

Nonostante il notevole aumento dell'interesse mediatico per la Coppa del Mondo femminile, Serge dice di non aver assistito a grandi evoluzioni in termini di visibilità, anche se a Lione, patria della squadra più vincente di tutte, è un po' diverso. "Qui con l'Olympique Lyonnais siamo ai massimi livelli".

"Eravamo nel sud della Francia e la gente era molto sorpresa nel vedere Salomé giocare a calcio. Quindi penso che sia diverso a seconda di dove ti trovi. A Lione, il calcio femminile è molto popolare".

Francia 2019: i tifosi del calcio maschile e di quello femminile sono così diversi?

Sua moglie Nathalie, però, lo contraddice: "Ma lo è adesso. Quando eri bambino non guardavi il calcio femminile ma solo quello maschile, anche a Lione. Quindi la visibilità è certamente aumentata".

Il fenomenale successo dell'OL Féminin si traduce in un record ineguagliato da qualsiasi squadra di calcio, maschile o femminile. Sei le vittorie della UEFA Champion's League, a cui si aggiungono nove titoli di Coppa di Francia e 13 scudetti consecutivi.

A Lione dove le giocatrici hanno accesso alle stesse strutture e staff dei colleghi maschi

Il dominio così netto da parte della squadra locale è spesso attribuito alla cultura sportiva del club, tesa all'uguaglianza tra sessi. Il presidente Jean-Michel Aulas ritiene che l'OL sia un solo club con due anime, maschile e femminile. Non parla mai di due squadre. Le giocatrici dell'OL Féminin hanno accesso allo stesso campo di allenamento, alle stesse strutture, alla stesso staff medico (e agli stessi jet charter) dei loro colleghi uomini.

Le giocatrici dell'OL alzano la Champions League

L'allenatore dell'FC Gerland, Toàn Nguyen, non ha dubbi: il successo del club locale è un volano anche per le ragazze della sua squadra e per coloro che sperano di unirsi ad essa.

"La squadra femminile dell'OL è una grande forza trainante per tutte queste giovani calciatrici. Conoscono tutte le giocatori a memoria. Il calcio femminile è diventato sempre più popolare, soprattutto con l'avvicinarsi dei Mondiali. È più visibile e più accessibile".

"Abbiamo avuto due giorni di porte aperte, sono 20 le nuove ragazze che vogliono venire l'anno prossimo. L'open day è stato alla fine di maggio, e probabilmente lo ripeteremo di nuovo alla fine di giugnos perché la Coppa del Mondo rende il calcio femminile più attraente".

Non sorprende che l'OL sia la squadra preferita anche della compagna di Salomé, Emilie. Le sue giocatrici del cuore sono l'americana Alex Morgan, che giocherà ai mondiali, e la vincitrice del pallone d'oro che gioca nel Lione, probabilmente la più grande star del calcio femminile attuale: la norvegese Ada Hegerberg. Lei alla Coppa del Mondo non ci sarà: boicotta la sua nazionale dal 2017 per ottenere maggiore parità tra il football dei due sessi.

Francia 2019, dieci cose da sapere sulla Coppa del Mondo femminile

Emilie, 13 anni, gioca da tre anni e spera di continuare a livello professionistico. A suo avviso, le sfide per le ragazze sono maggiori. "Gli standard a cui dobbiamo attenerci sono più alti perché siamo ragazze e vogliono che ci distinguiamo. Penso che forse sia più facile per i ragazzi".

"Quando una ragazza gioca in una squadra di maschi, nessuno le passa la palla e lei perde fiducia in se stessa"

Nel giocare a calcio con i maschi, sente che le differenze si fanno notare solo a seconda del livello di conoscenza con i suoi compagni o avversari. "Quando giochiamo a scuola mi conoscono e così mi danno più spesso la palla. Ma nei club non ci conosciamo, quindi è più complicato fidarsi l'uno dell'altro. Ma il nostro modo di giocare è lo stesso, in generale".

Nguyen ha notato un comportamento simile nelle squadre miste. "Quando le ragazze giocano in una squadra femminile, questo dà loro fiducia. Quando una ragazza è isolata in una squadra di ragazzi, i ragazzi fanno fatica ad avere fiducia nella ragazza e non le passano la palla, così lei perde fiducia in se stessa. Quando le ragazze giocano insieme in una squadra, crescono insieme, progrediscono insieme".

L'attaccante degli Stati Uniti Alex Morgan incontra alcuni tifosi - Reuters

Marie N'diaye, collega all'FC Gerland, sostiene che per le ragazze qualsiasi differenza a livello di abilità calcistiche possa essere attribuita alla necessità di colmare un ritardo. "La maggior parte delle ragazze inizia a giocare più tardi, quindi abbiamo alcune ragazze di 14 o 15 anni che sono debuttanti. In realtà stanno imparando molto velocemente, quindi va bene così"..

"Quando ero giovane era proprio così, le ragazze non erano incoraggiate a giocare a calcio. Ora le cose stanno iniziando a cambiare lentamente ma inesorabilmente. "Abbiamo alcune ragazze che iniziano a giocare a cinque, sei anni. Non sarà più un problema negli anni futuri".

N'diaye ha iniziato a tirare i primi calci al pallone nel suo quartiere. Era l'unica ragazza tra i residenti del posto, aveva appena cinque anni. Tuttavia non ha giocato per un club fino all'età di 18 anni perché all'epoca "non sarebbe stato accettato". Alla maggiore età si è detta: "Ora sono adulta e voglio giocare a calcio, quindi giocherò a calcio". Così è stato.

Ora sente che mentre il calcio si è aperto enormemente alle ragazze, almeno a livello di scuole calcio e di categorie di base, è ai livelli più alti che il vero problema di disuguaglianza è ben lungi dall'essere eradicato.

"Le giovani ragazze che [alleno] non sono discriminate. Voglio dire, abbiamo gli stessi campi, gli stessi allenatori, lo stesso club, la stessa struttura dei ragazzi - ma ad un livello superiore è diverso. Premi e stipendi non sono gli stessi. La maggior parte dei club sta cercando di evolversi e di rendere le condizioni di allenamento delle donne tanto buone quanto quelle degli uomini, quindi spero che presto riusciremo a raggiungere questo obiettivo di uguaglianza".

"Le cose stanno iniziando a cambiare. Se chiedi alle ragazze che ci circondano oggi, tutte sognano di diventare calciatrici e molti dei loro idoli sportivi sono giocatrici. Nel calcio femminile c'è meno ostentazione, non ci sono Ronaldo e Messi".