Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Francia 2019, dieci cose da sapere sulla Coppa del Mondo femminile

Francia 2019, dieci cose da sapere sulla Coppa del Mondo femminile
Diritti d'autore
Il trofeo in palio - AFP
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia si prepara ad ospitare l'ottava edizione del Mondiale femminile FIFA di calcio. Il match inaugurale sarà quello tra i padroni di casa e la Corea del Sud il 7 giugno, mentre la finale è in calendario a Lione il prossimo 7 luglio. Di seguito trovate le dieci cose che proprio non potete non sapere prima del calcio d'inizio.

La migliore marcatrice

Colei che ha segnato più gol in una fase finale della Coppa del Mondo femminile è l'attaccante del Brasile Marta Vieira da Silva, meglio conosciuta come Marta, tra le migliori giocatrici del pianeta: al suo attivo 15 reti. In Francia, a 33 anni, avrà la possibilità di incrementare questa cifra: giocherà tra le fila delle verdeoro e dovrà vedersela nel girone contro le Azzurre, la Giamaica e l'Australia. Nella classifica cannonieri, Marta precede Birgit Prinz (tedesca) e Abby Wambacy (USA), ferme a 14 centri.

Marta, miglior cannoniere ai Mondiali di tutti i tempi con 15 reti - REUTERS

Il gol più bello segnato dalla messicana Ocampo

Il più bel gol realizzato da una calciatrice in una competizione FIFA è quello della messicana Mónica Ocampo, segnato contro l'Inghilterra nel 2011. Il suo bolide dalla distanza è stato scelto dagli utenti del sito web della FIFA.

La prima Coppa del Mondo femminile ufficiale si è tenuta nel 1991

La prima Coppa del Mondo femminile ufficiale FIFA si è tenuta nel 1991: i primi ad alzarla sono stati gli USA. Il torneo si tenne in Cina e gareggiarono 12 squadre davanti ad una media di 19.615 spettatori. C'è da dire che in passato si sono svolti tornei di livello internazionale anche se non riconosciuti ufficialmente. La Cina ha ospitato la manifestazione per due volte, nel 1991 e nel 2007. Lo stesso vale per gli Stati Uniti (1999 e 2003). In Svezia (1995), Germania (2011), Canada (2015) le altre edizioni.

Le più titolate? Le giocatrici americane

La vittoria del 1999 festeggiata dalle calciatrici americane

La squadra femminile degli Stati Uniti d'America è quella che vanta più successi in Coppa del Mondo nella storia. Tre le vittorie, nel 1991, 1999 (davanti al pubblico di casa) e 2015 - in netto contrasto con i risultati dei colleghi maschi che vantano, al più, un terzo posto nell'edizione inaugurale del Mondiale del 1930.

24 le squadre al via nell'edizione 2019

Il numero è identico rispetto alla Coppa del Mondo 2015 mentre nel 2011 le nazionali a gareggiare sono state appena 16. Il torneo maschile invece è a 32 squadre dal 1998.

La più giovane calciatrice ad una Coppa del Mondo femminile aveva appena 16 anni

La nigeriana Ifeanyi Chiejine è diventata la più giovane giocatrice ad essere protagonista della ribalta planetaria nel match contro la Corea a Usa '99: calcò il terreno di gioco alla tenera età di 16 anni e 34 giorni.

L'affluenza di pubblico è variabile

Mentre, a livello di pubblico, la media presenze alle ultime due Coppe del Mondo (2011 e 2015) è stata superiore rispetto al torneo inaugurale, la partecipazione del pubblico è stata fluttuante dal '91 ad oggi.

Cina 1991 - 19.615

Svezia 1995 - 4.316

USA 1999 - 37.319

USA 2003 - 21.240

Cina 2007 - 37.218

Germania 2011 - 26.428

Canada 2015 - 26.029

La mascotte di quest'anno è la figlia di Footix, il pupazzo di Francia 98

La FIFA descrive la mascotte di quest'anno come una "giovane pulcina francese di nome ettie".

FIFA

"ettie" è la figlia di Footix, la mascotte del Mondiale maschile di Francia '98, sempre stando alla narrazione FIFA.

La Coppa del Mondo 2015 è finita in tribunale per via della "guerra del manto erboso"

Un gruppo di giocatrici che ha partecipato agli ultimi Mondiali canadesi ha citato in giudizio la FIFA per la sua decisione di disputare le gare su erba sintetica, giudicata pericolosa e incapace di garantire uguali condizioni di gioco rispetto alla Coppa del Mondo maschile, che si è sempre giocata su erba naturale. La FIFA ha negato ogni accusa di discriminazione e alla fine le giocatrici hanno lasciato cadere le proprie accuse, facendo rientrare il caso.

Il ritorno del VAR

Il sistema Video Assistant Referee, uno dei principali elementi di novità della Coppa del Mondo maschile francese dell'estate 2018, sarà utilizzato anche per il Mondiale femminile.