EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Budapest, si cercano ancora i dispersi nello scontro tra i battelli

Budapest, si cercano ancora i dispersi nello scontro tra i battelli
Diritti d'autore Фото Рейтер
Diritti d'autore Фото Рейтер
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo le autorità, le probabilità di trovare superstiti sarebbero "pressoché inesistenti"

PUBBLICITÀ

Le squadre di soccorso stanno lavorando senza sosta per trovare i 19 passeggeri dispersi nello scontro avvenuto tra due battelli sul Danubio a Budapest, proprio all'altezza del parlamento. Secondo le autorità, le probabilità di trovare superstiti sono pressoché inesistenti: dei 33 passeggeri a bordo - tutti di nazionalità sudcoreana - solo 7 si sono salvati, mentre altri sette sono deceduti praticamente sul colpo.

"Quello che possiamo vedere nel filmato delle telecamera di sicurezza - ha dichiarato il vicecapitano della polizia Pal Adriano - è che entrambe le imbarcazioni, sia la più piccola, la Mermaid , che il Viking, stavano salpando verso nord. Quando hanno raggiunto i pilastri del Ponte Margaret, la Mermaid per qualche motivo si è messa di traverso rispetto al Viking: al momento dell'impatto quest'ultimo si è girato di lato e dopo circa sette secondi è affondato. E' visibile come si è girato quando è finito sotto il pilastro".

Una delegazione sudcoreana è già arrivata in Ungheria per coadiuvare le operazioni di salvataggio. Seoul ha inviato anche una squadra di vigili del fuoco, esperti navali e guardie costiere. Nel frattempo, il capitano del battello della compagnia Viking è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo plurimo in conseguenza di guida spericolata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scontro tra imbarcazioni sul Danubio, arrestato comandante della nave da crociera

Budapest: collisione tra battelli, morti 7 turisti sudcoreani

Crollo ponte Baltimora: presunti morti i sei dispersi, sono operai originari del Centro America