EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Idrogeno nella rete del gas: cominciata la sperimentazione di Snam a Salerno

Idrogeno nella rete del gas: cominciata la sperimentazione di Snam a Salerno
Diritti d'autore 
Di Diego Malcangi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'azienda ha avviato l'immissione di una miscela di idrogeno al 5% e gas naturale nella rete italiana. A sperimentarla, per la prima volta in Europa, due imprese di Contursi Terme (Salerno)

PUBBLICITÀ

È la prima volta in Europa, ed è molto green: parte da Contursi Terme, in provincia di Salerno, il percorso italiano ed europeo verso le emissioni zero di biossido di carbonio, obiettivo che l’Europa spera di raggiungere entro il 2050.

In questa centralina della Snam viene introdotto idrogeno, che si miscela al metano distribuito ogni giorno nella rete locale. Per un mese viene realizzata e distribuita una miscela al 5% di idrogeno, che ha enormi vantaggi rispetto alle fonti rinnovabili come sole e vento, solitamente non programmabili.

La combustione dell’idrogeno, così come l’energia solare e quella eolica, non genera CO2.

La sperimentazione, avviata negli scorsi giorni con l’apertura dei rubinetti da parte del sottosegretario allo Sviluppo Economico Andrea Cioffi e dall'amministratore delegato di Snam Marco Alverà, coinvolge un pastificio e un’azienda di imbottigliamento d’acqua minerale, che hanno accettato di fare da cavie e si alimentano quindi almeno per un mese con la nuova miscela.

Nella zona di Contursi Terme, molto ventosa, ci sono anche alcune pale eoliche, che in prospettiva potrebbero contribuire a rendere ancora più green la miscela, perché l’idrogeno può essere ricavato per elettrolisi dalle fonti rinnovabili. Una prospettiva che Marco Alverà, l’Amministratore Delegato di Snam, prende ovviamente in considerazione:

“Si potrà produrre idrogeno 100% rinnovabile e con una semplice manovra immetterlo in rete, e a questo punto l’idrogeno può arrivare fino alle nostre cucine, fino alle nostre fabbriche, ed essere stoccato con enorme facilità: l’idrogeno ha un costo di trasporto e di stoccaggio che è venti volte inferiore a quello dell’elettricità”.

Il sottosegretario, Andrea Cioffi, pensa agli impegni presi in Europa e al ruolo che può essere svolto dall’idrogeno: “Questo che facciamo oggi è l’inizio di un percorso. L’Europa deve arrivare a zero emissioni al 2050, l’idrogeno è una delle chance che abbiamo di fronte per andare verso questa totale decarbonizzazione”

Quindi bruciare idrogeno al posto del gas naturale riduce le emissioni, ma non basta: l’idrogeno funziona anche da veicolo di trasporto per le energie rinnovabili, soprattutto per le lunghe distanze. E può essere facilmente stoccato, garantendo enormi vantaggi per la stagione invernale, quando c’è poco sole e si consuma sei volte l’energia consumata in estate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

SNAM sperimenta l'uso di droni per il controllo della rete gas

Un gasdotto tra Grecia e Bulgaria contro la dipendenza da Mosca

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni, evacuato carcere Pozzuoli