ULTIM'ORA

L'Europa esporta più armi, Francia: +263% verso il Medio Oriente

L'Europa esporta più armi, Francia: +263% verso il Medio Oriente
Diritti d'autore
La coda di un Lockheed Martin F35 all'ILA Air Show di Berlino lo scorso 25 aprile 2018. Reuters/Axel Schmidt
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono sette Paesi europei nella top 10 dei più grandi esportatori di armi al mondo, dove si fanno sempre più affari nel mercato degli armamenti e i volumi sono in espansione (+7-8% nel periodo 2014-2018 rispetto al 2009-2013). Lo rivela l'ultimo rapporto del SIPRI, l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Russia, Francia e Germania sono, dietro agli Usa, i più grandi produttori ed esportatori di armi al mondo. Seguono Cina, Regno Unito, Spagna, Israele, Italia (al 9° posto) e Paesi Bassi. Desta preoccupazione soprattutto l'afflusso di armi da fuoco verso il Medio Oriente.

Ecco alcuni dei punti più interessanti che emergono dal rapporto 2019 dell'istituto.

  • L'Europa esporta più armi. Le cinque nazioni europee leader nel settore - Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Italia - hanno esportato più armi nel periodo '14-18 che in quello precedente: le vendite verso altri Stati equivalgono ad una fetta del mercato globale del 23% rispetto al 21% del quadrienno '09-13; l'Italia ha ridotto del 6.7% il suo volume globale di affari. Tra i principali importatori di armi italiane: Turchia, Algeria e Israele;
  • Francia, +263% di vendite di armamenti verso il Medio Oriente. La Francia ha quasi triplicato le esportazioni di armi verso i Paesi del Medio Oriente tra il 2009-13 e il 2014-18. Grandi aumenti percentuali anche per Germania (+125%), Italia (+75%) e Regno Unito (+30%). L'Egitto è il più grande partner commerciale dei francesi, con il 28% del giro d'affari totale per il Paese transalpino. In totale, le vendite francesi di armi sono aumentate del +43%;
  • Sempre più Paesi comprano armi dalla Cina. Il numero di paesi ai quali Beijing vende armamenti è cresciuto in modo significativo negli ultimi anni. Nel 2014-18 le ha consegnate a 53 nazioni, un numero in crescita rispetto alle 41 del 2009-13 e alle 32 del 2004-2008. A cavallo di questi due ultimi periodi si è avuto il vero boom dell'export di armi cinese (+195%), mentre nell'ultimo quadrienno la crescita è stata del 2.7%;

  • La Turchia sempre più presente nel mercato della morte. L'export turco è aumentato del +170% da un quadriennio all'altro. Principale partner economico: Emirati Arabi Uniti. Rimane sempre un Paese marginale nel volume d'affari globale (appena l'1%), ma è indubbio che il Paese di Erdogan punti ad una maggiore indipendenza economica nel settore: l'import, soprattutto dagli Usa, si è infatti ridotto del 21%;

  • L'Algeria è piena di armi. E non è una buona notizia, vista l'attuale situazione di crisi politica.Oltre la metà (56%) di tutte le armi importate da Paesi africani finisce nello Stato di Bouteflika. Il 66% di questi acquisti proviene dalla Russia. L'Algeria è al quinto posto tra le nazioni che importano più armi dopo Arabia Saudita, India, Egitto e Australia;

  • Il Venezuela ha smesso di importare armi a causa della crisi economica. Le importazioni di armamenti sono diminuite dell'83%, scrive SIPRI. Nel 2014-2018, gli acquisti del governo Maduro sono stati fatti principalmente da Cina, Russia e Ucraina. Una piccola quota del giro d'affari coinvolge anche Austria, Germania e Paesi Bassi;

  • L'Europa importa meno armi rispetto al periodo precedente a causa della crisi economica.

Tuttavia, Stati come Norvegia, Polonia e Romania stanno aumentando le commesse a causa delle crescenti tensioni con il vicino russo. La Norvegia, per esempio, ha ordinato 5 aerei anti-sommergibile dagli Usa e 4 sottomarini dalla Germania, oltre ad aver ricevuto i primi F35 ordinati dagli USA nel 2008.

La Stampa: Gli Usa avvisano l'Italia, non pagati 500 milioni per gli F35

Stando a quanto scrive oggi La Stampa, "dal marzo dell’anno scorso Roma ha sospeso i pagamenti degli undici F35 già consegnati e dei 9 ordinati. Un aereo ad esempio è pronto per la consegna a Cameri, ma resta fermo nell’hangar perché mancano circa 20 milioni di saldo. Il debito arretrato complessivo ha ormai raggiunto i 500 milioni di euro. Il presidente Mattarella, durante l’ultimo Consiglio supremo di difesa, ci ha invitato a saldare il conto".

Italia, scrive Mastrolilli, avrebbe ridotto gli acquisti di F35 da 131 a 90 e il nuovo ministro della Difesa Trenta ha intenzione di ridurre il pacchetto a una ventina di esemplari. "Washington, in questo caso, resterebbe molto delusa, non solo perché considera l’F35 un progetto comune transatlantico essenziale per mettere le nostre difese al passo con i tempi, ma anche perché la riduzione degli acquisti da parte di un Paese farebbe aumentare i costi per tutti gli altri. Gli Usa sottolineano che l’Italia perderebbe più di quanto risparmierebbe, perché circa 80 aziende del nostro Paese sono coinvolte nel progetto, lo stabilimento di Cameri è stato scelto come hub logistico e della manutenzione, e l’intera operazione dovrebbe generare posti di lavoro stimati inizialmente fra 3.586 e 6.395".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.