Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il cargo saudita, pronto a caricare armi, è in viaggio verso la Spagna

Il cargo saudita, pronto a caricare armi, è in viaggio verso la Spagna
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le proteste battono le armi.

Il cargo saudita Bahri Yanbu è ora in viaggio verso la Spagna, direzione il porto di Santander.
Da venerdi ha rinunciato all'attracco nel porto francese di Le Havre, in seguito alle proteste contro il carico di armi che avrebbe dovuto caricare.
Addirittura 8 carri armati con cannoni Caesar, di fabbricazione francese, svela il sito d'investigazione Disclose.
Indiscrezione smentita dall'Eliseo.

Secondo Disclose, già in settembre un'altra nave-merci saudita aveva fatto sbarco a Santander. Solo una coincidenza?

Le proteste delle organizzazioni internazionali

Da mercoledi scorso, la nave battente bandiera dell'Arabia Saudita, proveniente da Anversa e di passaggio nel Regno Unito, era ancorata al largo di Le Havre, nel nord della Francia.

Molte organizzazioni internazionali hanno protestato perchè, a loro avviso, quelle armi sarebbero state usate contro i civili dello Yemen.
Tra le organizzazione che hanno protestato: ACAT (Azione Cristiana per l'Abolizione della Tortura) e Action Sécurité Ethique Républicaines (ASER).
In prima fila anche Human Rights Watch, Amnesty International e l'Osservatorio degli Armamenti.

La difesa di Macron

Sull'argomento è intervenuto il presidente Emmanuel Macron; ha riconosciuto che "da parecchi anni, almeno cinque o sei, in base ai contratti firmati all'epoca, la Francia ha venduto armi agli Emirati Arabi e all'Arabia Saudita".

Secondo il presidente, "l'essenziale delle armi che abbiamo venduto, sono utilizzate all'interno del paese o alla frontiera" e nella lotta dell'Arabia Saudita al terrorismo.

In aprile, un servizio di Euronews ha messo in luce il cosiddetto "business francese delle armi" in Yemen.

Il caso-Belgio

Presa di posizione decisa del ministro degli esteri belga Didier Reynders, che chiede la sospensione - a cominciare proprio dal Belgio - della vendita di armi all'Arabia Saudita.

In Belgio, la concessione di licenze di esportazione a fabbricanti di armi o equipaggiamenti militari rientra nelle competenze dell'esecutivo regionale (Fiandre, Vallonia e Bruxelles).

La sola Vallonia rappresenta circa i tre quarti del settore degli armamenti belga in termini di occupazione, ed è proprio in questa regione che le esportazioni verso Riad, uno dei principali clienti, sono particolarmente sensibili.
La regione ospita l'azienda produttice delle mitragliatrici e fucili d'assalto FN Herstal, che si trova nell'omonima città.

REUTERS/Benoit Tessier
Le Havre, 9.5.19. "No alla vendita di armi".REUTERS/Benoit Tessier