Algeria: una marea umana contro Bouteflika

Algeria: una marea umana contro Bouteflika
Diritti d'autore Reuters / Zohra Bensemra
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Terzo venerdì di proteste nel Paese nordafricano, contro la ricandidatura dell'anziano presidente

PUBBLICITÀ

Terzo venerdì consecutivo di proteste in Algeria. Migliaia di persone hanno invaso le strade della capitale Algeri, per manifestare contro la ricandidatura del presidente Abdelaziz Bouteflika. Al termine della preghiera islamica del venerdì, i manifestanti si sono radunati nel centro della città, per chiedere le dimissioni di Bouteflika. Le autorità algerine hanno sospeso il traffico ferroviario e chiuso la metro della capitale.

"Dico no al regime", dichiara una giovane donna. "Abbiamo bisogno di un futuro migliore per i nostri figli. Non abbiamo avuto una bella vita noi, ma la vogliamo per i nostri bambini". "Bouteflika è malato, non parla e non respira autonomamente", grida un'altra donna.

Le misteriose condizioni di salute di Bouteflika

Le condizioni dell'82enne, in lizza per un quinto mandato, sono infatti un mistero. Il candidato alle presidenziali Rachid Nekkaz si è recato questo venerdì all'ospedale di Ginevra, dove è ricoverato l'anziano presidente, per verificare di persona se Bouteflika sta bene. In Algeria molti pensano che sia deceduto. Nekkaz è stato fermato, mentre tentava di entrare nel nosocomio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A 10 anni da Euromaidan le testimonianze di chi ha vissuto la rivoluzione ucraina

Tel Aviv, i familiari degli ostaggi rapiti a Kfar Azza chiedono in piazza il loro rilascio

Euromaidan, i tre mesi che cambiarono il futuro dell'Ucraina