EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Guy Verhofstadt a Theresa May: l'Ue non discrimina

Guy Verhofstadt a Theresa May: l'Ue non discrimina
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Duro il responsabile Brexit del Parlamento Europeo: Non mineremo l'unione per salvare un partito politico del Regno Unito

PUBBLICITÀ

L’unione Europea non abbandonerà i suoi principi per salvare il partito di Theresa May. È duro il discorso in aula a Strasburgo di Guy Verhofstadt, responsabile per i negoziati Brexit del Parlamento Europeo

Il riferimento è al nuovo sistema annunciato giorni fa dal governo conservatore britannico per equiparare dal 2021, dopo la Brexit e dopo il periodo di transizione, i migranti dai Paesi Ue a quelli del resto del mondo riservando visti facilitati solo a lavoratori qualificati "senza distinguere da dove provengano". 

"Per quanto riguarda il sistema migratorio, non accetteremo mai discriminazioni basate su competenze e nazionalità. Non mineremo mai, mai i principi dell’Unione, il progetto dell’Unione per salvare un partito politico nel Regno Unito che non è neanche capace di trovare una linea comune su come uscire dal caos della Brexit", ha scandito Verhofstadt davanti ai colleghi.

Un' altra polemica si è accesa sulle parole del ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt, che ha paragonato l'Unione Europea all'Unione Sovietica.

"Voglio solo citare l’ex ministro degli Esteri della Polonia, Radosław Sikorski, che ha detto per favore mister Hunt, ci mostri i gulag, per favore ci mostri i soldati dell’Unione Sovietica nel vostro Paese, per favore ci mostri il sistema della Stasi nel vostro Paese. Quindi Sikorski ha ragione, Mr. Hunt lei dovrebbe chiedere scusa per quello che ha detto", ha detto Manfred Weber, leader del Ppe.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

May: al convegno Tories la premier cerca di mostrare i muscoli

Al via Congresso dei Tories, Theresa May tenta di ricompattare il partito

Mai dire Brexit: i laburisti vogliono un nuovo referendum, Theresa May dice "No"