May: al convegno Tories la premier cerca di mostrare i muscoli

May: al convegno Tories la premier cerca di mostrare i muscoli
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Birmingham però cresce la fronda anti premier

PUBBLICITÀ

Alla riunione dei conservatori inglesi una May a tuttocampo cerca di parare i colpi che le provengono dal campo amico. Accusata di aver gestito malissimo il dossier Brexit e i negoziati con Bruxelles. Durissime soprattutto le critiche dell'ex sodale ed ex ministro degli esteri Boris Johnson.

Dichiarazioni roboanti anche se alle certezze di Downing Street non sembrano corrispondere a quelle dei negoziatori europei.

Theresa ay: "La politica sull'immigrazione che abbiamo annunciato oggi ci permette di riprendere controllo delle nostre frontiere e rispetta il risultato del referendum. Certifica che abbiamo fermato il libero movimento una volta per tutte e per la prima volta in decenni. Sarà il governo britannico a decidere quante persone e come possano arrivare nel Regno Unito. E si, il sistema sarà basato sulle capacità. Non da dove qualcuno provenga, ma su quale possa essere il suo contributo alla nostra economia".

La settimana scorsa a Salisburgo, quando Bruxelles ha respinto in malo modo il piano di Theresa May per i futuri rapporti tra la Gran Bretagna e l’Unione Europea, il primo ministro è apparso però non solo debole ma da tenere a distanza. Si era presentata al summit europeo aspettandosi almeno un tiepido supporto che l’avrebbe aiutata a superare la conferenza dei Tory inaugurata a Birmingham, e invece è rimasta da sola.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

May al congresso dei Tories: "Non ho paura di un no-deal"

Guy Verhofstadt a Theresa May: l'Ue non discrimina

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico