ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: sull'isola di Lesbo il campo di Moria, "Vergogna d'Europa"

Lettura in corso:

Grecia: sull'isola di Lesbo il campo di Moria, "Vergogna d'Europa"

Grecia: sull'isola di Lesbo il campo di Moria, "Vergogna d'Europa"
Dimensioni di testo Aa Aa

Moria, isola di Lesbo. Circa 9mila tra rifugiati e migranti lottano per sopravvivere sia all'interno che fuori dal campo. In centinaia hanno piantato tende nel campo. La pioggia e il freddo sono ovviamente un problema.

La 23enne afgana Maryam Parsa è arrivata sull'isola 7 giorni fa con suo figlio e molti sogni. Vuole vivere in Germania e racconta che Moria non è quello che si aspettava di trovare in Europa: "E' davvero difficile. Non ci sono abbastanza medici per i nostri figli. Non ci sono abbastanza cope rte, non c'è abbastanza cibo. I nostri bambini cominciano ad ammalarsi. Non è una buona situazione. Se non ci lasciano andare in Europa, almeno che rendano questa situazione migliore".

Qualche metro più in là alcuni ragazzini giocano a football. Muhammad Raza dall'Afghanistan preferisce il karate. Nonostante la sua giovane età, ha già vinto delle medaglie e spera di diventare un professionista una volta arrivato in Francia, dove sogna di andare. Anche per lui la situazione qui è drammatica: "Pensavo che sarebbe stato un bel posto. Che ci avrebbero dato un buon posto dove vivere. Ma quando sono arrivato ho capito che non era così. sono rimasto scioccato quando ho visto le tende".

Gli attivisti e le Ong chiamano Moria la "vergogna d'Europa" e chiedono alle autorità di trasferire i bambini e le loro famiglie dal campo. Il governo greco ha risposto che ha trasferito più di 4mila persone negli ultimi 4 mesi. Nonostante tutto i migranti continuano ad arrivare sull'isola.