ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Più di un quarto della popolazione mondiale non pratica sufficiente attività fisica

Lettura in corso:

Più di un quarto della popolazione mondiale non pratica sufficiente attività fisica

Più di un quarto della popolazione mondiale non pratica sufficiente attività fisica
Dimensioni di testo Aa Aa

Vi siete mai chiesti se praticate abbastanza attività fisica nell'arco della vosta giornata? Bene, la risposta è che questo dipende dalla parte del mondo nella quale abitate.

Uno studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato martedì dalla rivista medica The Lancet, mostra infatti quali sono i paesi meno attivi del mondo.

5 ore di sport a settimana per restare in forma

In media 27,5% della popolazione mondiale non ha praticato sufficiente attività fisica nel 2016. Le donne sono risultate leggermente meno attive degli uomini, con una differenza di circa 8% a livello mondiale. Tuttavia, secondo i ricercatori, queste cifre sono rimaste stabili dal 2001.

Lo studio, che si basa su dati raccolti da 1,9 milioni di partecipanti provenienti da 168 paesi, mostra che le donne dell'America Latina e dei Caraibi registrano il livello piu alto di inattività, attorno al 43%. Il livello piu basso si registra invece negli uomini in Oceania, dove è circa del 12%. I dati piu allarmanti si sono verificati nei paesi ad alto reddito, che sono risultati due volte più propensi ad una mancanza di attività fisica, rispetto a quelli ad alto reddito, con una media di inattività fisica generale intorno al 43%.

The Lancet

I dati hanno misurato la quantità di attività fisica fatta nell'arco di una settimana, a casa, a lavoro, negli spostamenti e nel tempo libero, e sono stati poi paragonati alla quantità minima per una sufficiente attività fisica fissata dall'Organizzatione Mondiale della Sanità : 150 minuti a intensità moderata a settimana o 75 minuti a intensità elevata.

I ricercatori affermano che la mancanza di sufficiente attività fisica è uno dei fattori principali che può portare allo sviluppo di malattie non trasmissibili.

Secondo il regolatore di salute, 1,5 miliari di adulti non sono sufficientemente attivi, e questa è la quarta causa principale di mortalità mondiale dopo l'ipertensione, il consumo di tabacco e l'iperglicemia.

Gli stati membri dell'OMS si sono posti l'obiettivo di ridurre l'inattività fisica del 10% entro il 2025. Tuttavia, i ricercatori affermano che i progressi orientati al raggiungimento di questo obiettivo sono ancora troppo lenti e giudicano necessario incrementare le politiche che promuovino un maggiore sviluppo dell'attività fisica.

Essere fisicamente attivi porta risultati immediati secondo l'OMS, con una diminuzione dei rischi legati alle malattie vascolari, al diabete e al cancro del seno e del colon, di circa il 25%.