EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La rinascita di Borsalino

La rinascita di Borsalino
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La rinascita di Borsalino

PUBBLICITÀ

Borsalino rinasce dalle proprie ceneri. La storica azienda di cappelli fallita lo scorso dicembre, è stata comprata all’asta dalla società di Philippe Camperio e ora potrebbe sbarcare a Piazza Affari nel giro di 4-5 anni.

6,4 milioni di euro sborsati dalla società Haeres Equita, dell’imprenditore svizzero, che già gestiva Borsalino dal 2015. L’asta riguardava lo stabilimento di produzione di Spinetta in provincia di Alessandria, tutti i macchinari e le attrezzature, i contratti di lavoro e i diritti delle boutique di vendita al dettaglio.

Uniche le coppole di Borsalino, tanto essere diventate dei must, anche tra le stars. Il Borsalino è stato "il cappello" cult, tanto amato da Bogart e Delon.

Ora l’azienda punta sempre di più sul mercato straniero, tra cui Giappone e Stati Uniti. La produzione annuale di Borsalino, infatti, è di 150mila cappellii l’ambizione è di moltiplicarla “cinque volte nei prossimi cinque anni”. E rilanciare il brand dando un’immagine più contemporanea e stilosa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Borsalino: la casa che ha vestito i divi del cinema fallisce

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare

Portogallo, 50 anni dal 25 aprile e dalla rivoluzione: cosa resta da fare?