Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La rinascita di Borsalino

La rinascita di Borsalino
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Borsalino rinasce dalle proprie ceneri. La storica azienda di cappelli fallita lo scorso dicembre, è stata comprata all’asta dalla società di Philippe Camperio e ora potrebbe sbarcare a Piazza Affari nel giro di 4-5 anni.

6,4 milioni di euro sborsati dalla società Haeres Equita, dell’imprenditore svizzero, che già gestiva Borsalino dal 2015. L’asta riguardava lo stabilimento di produzione di Spinetta in provincia di Alessandria, tutti i macchinari e le attrezzature, i contratti di lavoro e i diritti delle boutique di vendita al dettaglio.

Uniche le coppole di Borsalino, tanto essere diventate dei must, anche tra le stars. Il Borsalino è stato "il cappello" cult, tanto amato da Bogart e Delon.

Ora l’azienda punta sempre di più sul mercato straniero, tra cui Giappone e Stati Uniti. La produzione annuale di Borsalino, infatti, è di 150mila cappellii l’ambizione è di moltiplicarla “cinque volte nei prossimi cinque anni”. E rilanciare il brand dando un’immagine più contemporanea e stilosa.