EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Notizie nascoste

Notizie nascoste
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della stampa internazionale…

PUBBLICITÀ

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della stampa internazionale .

Barcellona: nuovi appelli per rimuovere la statua di Cristoforo Colombo

In fondo alla popolare Rambla, a Barcellona, si trova da più di un secolo una statua di Cristoforo Colombo. Ora però un gruppo di consiglieri comunali anti-capitalista ne contesta l’eredità, in quanto simbolo colonialista.

E chiedono che l’effigie dell’esploratore genovese venga rimossa.

Operazione non facile, nè dal punto di vista storico e culturale nè da quello puramente materiale: si tratta di un memoriale alto 60 metri, in cima al quale c‘è la statua bronzea dello scopritore dell’America, con il dito puntato verso il mare. Sulla base sono iscritti gli omaggi a Re Ferdinando e a Isabella di Castiglia, oltre ai navignti che parteciparono alla missione.

I consiglieri, tre membri del gruppo CUP Capgirem, vogliono che sia tolta la statua, ma anche tutti i fregi, le scritte e le decorazioni sulla base che glorifichino la conquista dell’America.

Els còmplices de la Hispanitat https://t.co/BpmKn2i8ze Quim Serra i Toro, historiador i conseller de CUPBarcelona</a> <a href="https://t.co/ULActFM6fA">pic.twitter.com/ULActFM6fA</a></p>&mdash; CUP #sensepor (cupnacional) 27 Σεπτεμβρίου 2016

Avui emparmoliner</a> ha lamentat que estàtues humanes i venedors ambulants no s&#39;ofeguin al mar. <a href="https://twitter.com/sindicatomanter">sindicatomanterEstatuesHumanas</a> <a href="https://t.co/BCtOvmQSSj">pic.twitter.com/BCtOvmQSSj</a></p>&mdash; CUP Capgirem BCN ♀ (CUPBarcelona) 27 Σεπτεμβρίου 2016

Il falso Cognac alla base di un massacro nell’Ucraina orientale

Almeno diciotto persone sono morte nella regione di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, dopo aver bevuto Cognac contraffatto. Altre cinque vittime si registrano a Donetsk, sempre nell’Ucraina orientale, nella zona controllata dai ribelli filo-russi.

I decessi per alcool contraffatto sono relativamente rari in Ucraina, mentre in Russia la strage avviene con regolarità: ogni anno sono migliaia i bevitori uccisi da distillati contraffatti.

Reykjavik a luci spente per apprezzare l’aurora boreale

Lotta all’inquinamento luminoso in occasione dell’aurora boreale, splendido spettacolo naturale che attira migliaia di turisti: il Consiglio comunale di Reykjavik, la capitale islandese, ha deliberato lo spegnimento delle luci in alcune parti della città, per consentire un miglior godimento delle luci del nord, l’aurora boreale.

In alcuni distretti, compreso il centro storico, verranno quindi spente tutte le luci tra le dieci e le undici di sera: non solo quelle stradali, anche agli abitanti è stato chiesto di fare il possibile per mantenere spente le luci di casa.

Iceland's capital city switched off its street lights last night — so people could watch the Northern lights https://t.co/NAyr1z3xuj

— IanVisits (@ianvisits) 29 Σεπτεμβρίου 2016

According to my pal Björg, they are turning off the lights in #Reykjavík tonight to enjoy the #NorthernLights

Un comune cinese vieta i micro-appartamenti

Un’amministrazione cittadina cinese ha bloccato la vendita di appartamenti talmente piccoli da essere soprannominati “nidi di piccione”.

Le autorità di Shenzen hanno reagito al nuovo mercato che si era aperto con la vendita di unità abitative da 6 metri quadri, angolo cucina, bagno e letto a scomparsa. Minuscolo l’appartamento, ma non il prezzo, pari a circa 117.600 €.

Nelle grandi città cinesi si assiste da anni a un boom del mercato immobiliare, con prezzi che schizzano molto rapidamente verso l’alto. Nella stessa Shenzen, la crescita è stata del 63% in un solo anno, stando ai dati diffusi nel marzo scorso.

Tra turismo e riscaldamento globale, non c‘è pace per gli orsi polari

Nelle isole artiche norvegesi ci sono sempre più turisti desiderosi di vivere l’atmosfera dei ghiacci e incontrare anche la fauna locale. Incontri che si fanno però sempre più spesso pericolosi, e sempre più orsi vengono per questo abbattuti. È il riscaldamento globale a causare lo scioglimento del ghiaccio marino, ambiente di vita dell’orso polare, innervosito anche dalla crescente presenza umana.

Gli orsi polari sono una specie protetta, e l’abbattimento è consentito solo per l’autodifesa, in casi estremi.

As Norway's Arctic draws visitors, more polar bears get shot #environmenthttps://t.co/QWEh5kvFq8

— Alexandre Bonotto (@axbonotto) 28 Σεπτεμβρίου 2016

Countdown to #ArcticSeaIceDay — July 15. Team up to #SaveOurSeaIce for polar bears and people. : : #polarbearsinternational #polarbears #arctic #pbi #actonclimate #seaice

A photo posted by Polar Bears International (@polarbearsinternational) on Jul 13, 2016 at 4:31am PDT

Fonti

La statua di Cristoforo Colombo

Cognac contraffatto

Luci a Reykjavik

Nidi di piccione

Orsi polari

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Annunci e pubblicità false online con i volti dei vip: il governo danese rimprovera le big tech

SpaceX di Elon Musk lancia 22 satelliti Starlink: la disputa con Tim in Italia per internet veloce

Facebook, Instagram e le app Meta fuori uso per ore: "Problema tecnico"