Donald Tusk chiede ai migranti economici di non partire per l'Europa

Donald Tusk chiede ai migranti economici di non partire per l'Europa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le misure unilaterali prese da singoli Stati dell’Unione europea di fronte alla crisi dei migranti sono contrarie alla solidarietà e devono essere

PUBBLICITÀ

Le misure unilaterali prese da singoli Stati dell’Unione europea di fronte alla crisi dei migranti sono contrarie alla solidarietà e devono essere interrotte. Lo hanno affermato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il premier greco Alexis Tsipras. Ma intanto si pensa anche a come risolvere i problemi alla radice.

“Voglio fare appello a tutti i potenziali migranti illegali, economici, di qualsiasi provenienza” ha dichiarato Tusk. “Non venite in Europa. Non credete ai trafficanti. Non rischiate la vita e il vostro denaro per niente.”

La situazione più esplosiva è quella di Idomeni, località greca al confine con la Macedonia, dove sono ormai più di 10.000 le persone bloccate in una tendopoli improvvisata con gravi rischi sanitari e scarsità di viveri.

Gruppi di profughi hanno manifestato interrompendo la linea ferroviaria per protestare contro la chiusura della frontiera. La Macedonia lascia passare un numero ridottissimo di persone.

La Grecia lamenta di non poter far fronte da sola all’enorme afflusso di profughi dalle coste turche e chiede una reale ridistribuzione dei rifugiati in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti bloccati alla frontiera greco-mecedone, Onu lancia allarme per crisi umanitaria

Operazione Shields: il comandante chiede più mezzi nel Mar Rosso

Elezioni in Croazia: vincono i conservatori, rebus per il nuovo governo