Mondiali atletica: alla Giamaica la 4x400 donne, gli Usa si prendono quella maschile

Mondiali atletica: alla Giamaica la 4x400 donne, gli Usa si prendono quella maschile
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si chiudono in bellezza, per la Giamaica, i Mondiali d’atletica di Pechino. Williams-Mills e compagne si prendono il titolo iridato nella staffetta

Si chiudono in bellezza, per la Giamaica, i Mondiali d’atletica di Pechino. Williams-Mills e compagne si prendono il titolo iridato nella staffetta 4×400, beffando le statunitensi, in testa fino all’ultima frazione, e le britanniche.

PUBBLICITÀ

Tripletta etiope, invece, nei 5000 metri. Almaz Ayana sale sul tetto del mondo, battendo le connazionali Senbere Teferi e la grande favorita della vigilia Genzebe Dibaba, solo terza.

C‘è un’altra Dibaba pero’ che sorride. Si tratta di Mare, che vince la maratona femminile. La 25enne etiope precede sul traguardo la keniota Helah Kiprop e l’atleta del Bahrain, Eunice Kirwa.

Gli Stati Uniti salgono sul gradino piu’ alto del podio, nella 4×400 uomini, per la quarta volta consecutiva. Guidati da LaShawn Merritt, gli atleti a stelle e strisce dominano la corsa, mettendosi alle spalle Trinidad&Tobago e Gran Bretagna.

Si laurea campione mondiale dei 1500 metri Asbel Kiprop. Il 26enne keniota resta nascosto fino all’ultimo giro, lanciandosi poi verso il successo. Secondo, il connazionale Manangoi, terzo il marocchino Iguider.

Primo titolo iridato per Derek Drouin, nuovo re del salto in alto. Il canadese tocca i 2.34 metri, facendo meglio del cinese Guowei e dell’ucraino Bondarenko.

E’ Katharina Molitor, infine, a trionfare nel giavellotto femminile. La 31enne tedesca, alla sua prima importante vittoria in carriera, batte la cinese Lu e la sudafricana Vijoen.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Budapest "mondiale": la Maratona ne ha suggellato il trionfo sportivo e turistico

Ungheria, al via tra le polemiche il Campionato mondiale di atletica leggera

Gli atleti ucraini: "Vinciamo per il nostro Paese"