Egitto: la legge antiterrorismo non risparmia i giornalisti

Egitto: la legge antiterrorismo non risparmia i giornalisti
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vietato pubblicare notizie in contrasto con la versione ufficiale

PUBBLICITÀ

Multe fino a 60mila euro per i giornalisti che pubblicano notizie in contrasto con la versione del governo. L’Egitto di Abdel Fatah al-Sisi sacrifica la libertà di stampa alla lotta al terrorismo.

La nuova legge prevede la sospensione dall’esercizio della professione e 5 anni di carcere per l’utilizzo dei media a sostegno di generiche idee terroriste.

“La critica giornalistica è legittima – dice il giornalista Ayman Fayed – ma dall’altra parte, le esigenze dello Stato nella lotta al terrorismo sono anch’esse legittime e lo Stato ha il diritto di approvare questa legge”.

“Il terrorismo è un termine troppo vasto che limita tremendamente la libertà di stampa – ritiene l’esperto di comunicazione, Omar Hosni – Questa legge dovrebbe includere interpretazioni più chiare e più precise della parola terrorismo, senza limitare la libertà di stampa come accade con questa legge”.

Tra i provvedimenti approvati c‘è anche la pena di morte per chi fonda o guida una cellula terrorista. Il pacchetto prevede anche che i processi ai danni di sospetti militanti vengano trattati da tribunali speciali.

“I suoi sostenitori ritengono che questa legge sia necessaria in questo periodo storico per combattere il terrorismo e garantire la sicurezza del Paese – conclude il corrispondente di euronews al Cairo, Mohammed Shaikhibrahim – I critici di questa legge si dicono preoccupati per le restrizioni alla libertà di stampa e per il rispetto dei diritti umani”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran, libere su cauzione le due giornaliste imprigionate per aver scritto della morte di Mahsa Amini

Elezioni in Egitto, Abdel Fattah al-Sisi eletto di nuovo presidente con l'89% dei voti

Tensioni mediatiche in Kosovo: tra il caso Telekom Serbia e la tv che critica il governo