EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il mistero degli studenti precoci

Il mistero degli studenti precoci
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Isolati e frustrati perché troppo dotati. E’ il paradosso di molti studenti precoci: alunni rapidissimi nell’apprendimento, ma proprio per questo spesso “fuori fase” rispetto ai loro compagni di classe e talvolta addirittura penalizzati nei risultati scolastici.

Come valorizzare quindi i talenti di questi giovani plus-dotati ed evitare che si ritorcano contro di loro in forma di frustrazione e ricadute negative sulla scolarità?

Da Stati Uniti, Portogallo e Russia, tre diverse esperienze con cui proviamo a rispondere a questo interrogativo.

Da Yale, il docente di psicologia Mark Brackett ci illustra lo scarto esistente fra intelligenza emotiva e cognitiva e mette in guardia dai possibili rischi di un’istruzione specificatamente dedicata ai giovani plus-dotati.

Opposta l’esperienza della “Lega delle scuole” di Mosca: la parola d’ordine è qui sete di apprendimento. Dopo una rigida selezione basata sui criteri di creatività e non convenzionalità, gli alunni vengono stimolati, attraverso pensiero critico e ragionamento, a “esercitare la mente” e prepararsi ai percorsi accademici più diversi.

Infine, dal Portogallo, la storia di João Paulo: talento precoce ma pluriripetente, perché incompreso dal sistema scolastico.

Sabdiferentes
Nagcbritain
“afep-asso”: http://www.afep-asso.fr/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1
pedagooogia3000

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Manifestazioni pro-Palestina in Europa: tende anche nelle università italiane

Gaza, si moltiplicano le proteste nelle università contro Israele

Usa: 300 arresti alla Columbia, manifestanti pro israeliani assaltano pro palestinesi alla Ucla