EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gerusalemme e Betlemme, un duro colpo per il turismo durante il periodo di pellegrinaggi

Città Vecchia di Gerusalemme
Città Vecchia di Gerusalemme Diritti d'autore REUTERS/Sinan Abu Mayzer
Diritti d'autore REUTERS/Sinan Abu Mayzer
Di Euronews Travel Agenzie:  Reuters
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dai voli e dalle crociere cancellati agli hotel vuoti, qual è l'impatto del conflitto tra Israele e Hamas sul settore turistico della regione?

PUBBLICITÀ

Solo due settimane fa, la piazza principale e le strade intorno alla Chiesa della Natività di Betlemme erano affollate di turisti. 

Ora è il deserto dopo il devastante attacco del gruppo militante palestinese Hamas in Israele il 7 ottobre. 

"Gli affari sono fermi da quando è iniziata la guerra", ha detto Essa Abu Dawoud, una guida turistica della città palestinese. "Le strade sono state chiuse, non arriva nessuno".

In tutto lo stato di Israele e nei territori palestinesi occupati, Gaza e Cisgiordania, gli alberghi si sono svuotati e almeno sei compagnie aeree hanno interrotto i viaggi verso le destinazioni principali, come Gerusalemme e Tel Aviv, a causa dell'escalation del conflitto.

Due tour operator hanno sospeso i viaggi fino al prossimo anno.

Lenavi da crociera stanno evitando le coste israeliane, un tempo molto frequentate, e le principali compagnie aeree hanno smesso di volare da e per Israele, mentre i governi si sono affrettati a riportare a casa i propri cittadini.

EasyJet ha dichiarato di aver cancellato tutti i pacchetti per Tel Aviv in partenza prima del 22 ottobre, mentre Virgin Atlantic Holidays ha permesso ai vacanzieri di prenotare nuovamente per date successive o di ottenere un rimborso se viaggiavano prima del 18 ottobre.

L'assalto di Hamas - inserita nella black list delle organizzazioni terroristiche da Stati Uniti, Unione europea e altri governi - alle comunità israeliane il 7 ottobre ha ucciso più di 1.400 persone. In risposta, Tel Aviv ha intensificato i suoi attacchi contro la roccaforte di Hamas, ovvero Gaza, uccidendo quasi 2.700 persone.

Gli hotel e i luoghi di pellegrinaggio sono ancora aperti in Palestina e Israele?

The deserted area outside the Church of the Nativity in Bethlehem, as the conflict wreaks havoc across the tourism sector, in the Israeli-occupied West Bank.
The deserted area outside the Church of the Nativity in Bethlehem, as the conflict wreaks havoc across the tourism sector, in the Israeli-occupied West Bank.AMMAR AWAD/REUTERS

InterContinental Hotels ha dichiarato che due dei suoi hotel, Six Senses Shaharut e Hotel Indigo Tel Aviv - Diamond District, sono stati temporaneamente chiusi. La catena ha registrato alcune cancellazioni e parecchi clienti hanno spostato le prenotazioni.

Con la maggior parte dei suoi hotel vuoti, una delle principali catene israeliane, Isrotel, è "sul punto" di chiuderne temporaneamente alcuni, ha dichiarato un portavoce.

L'esodo dei visitatori stranieri è un duro colpo per l'industria del turismo israeliana, una delle più grandi del Paese, che si stava riprendendo dalla pandemia di Covid. Il settore rappresenta il 2,8% del PIL di Israele. Il settore rappresenta il circa il 3,5% dell'occupazione totale.

I prossimi mesi, come da tradizione, sono i più affollati dell'anno per l'arrivo dei pellegrini cristiani che arrivano dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e da altre parti d'Europa.

"Per vivere ci affidiamo al turismo. Abbiamo avuto la crisi del Covid, ci stavamo riprendendo, aspettando che i turisti tornassero", ha detto Khader Hussein, 30 anni, venditore di souvenir a Betlemme, il tradizionale luogo di nascita di Gesù. "Ora il settore turistico è morto".

Attirati dai siti storici di Gerusalemme e Betlemme e dalle spiagge di sabbia bianca di Tel Aviv, nei primi nove mesi del 2023, sono stati circa tre milioni i turisti che sono sbarcati in Israele, secondo l'Ufficio centrale di statistica israeliano.

Si tratta di una cifra vicina ai livelli pre-pandemia, che comprende circa 800.000 americani.

PUBBLICITÀ

Gli hotel offrono camere ai turisti in fuga

Un giorno dopo l'attacco, il Ministero del Turismo israeliano ha dichiarato che i tour dovrebbero essere evitati e che i turisti dovrebbero restare chiusi nei loro hotel o sulle navi da crociera. Mercoledì ha dichiarato che i turisti possono spostarsi nel Paese solo se strettamente necessario. 

Oltre 90.000 turisti si trovavano in Israele e migliaia avevano visitato i siti nazionali durante la scorsa settimana. Lo stesso giorno, però, il governo degli Stati Uniti ha innalzato  l'avviso di viaggio per Israele e la Cisgiordania a livello 3, il secondo livello più alto.

Il Regno Unito sconsiglia tutti i viaggi tranne quelli essenziali in Israele e nei territori palestinesi.

Elias al-Arja, capo dell'Associazione alberghiera araba, ha dichiarato che la maggior parte degli hotel in Cisgiordania ha trascorso la scorsa settimana ad aiutare i turisti a fuggire dopo l'inizio delle violenze. Circa il 90% degli hotel in Cisgiordania sono vuoti, ha dichiarato.

PUBBLICITÀ

Dan Hotels e Isrotel hanno dichiarato di aver messo a disposizione camere per le persone in fuga dal confine con Gaza. Dan offre anche sconti del 50% sulle camere per i locali.

Previsto un conflitto prolungato

La risoluzione del conflitto sembra non essere vicina e quindi è chiaro quando i visitatori stranieri potranno tornare. 

Il gruppo turistico Authentic Israel ha chiesto ai turisti che avevano prenotato i loro viaggi cancellati di donare 150 dollari (142 euro) ciascuno per sostenere il suo staff durante la crisi.

Il tour operator australiano Intrepid Travel ha sospeso i viaggi in Israele e nei territori palestinesi fino alla fine dell'anno, mentre Odysseys Unlimited li ha sospesi fino al 31 marzo. La compagnia statunitense ha dichiarato che continuerà i tour in Egitto e Giordania, ma ha dato agli ospiti la possibilità di spostarsi a una data successiva o a un'altra destinazione.

PUBBLICITÀ

Alcuni stanno riprogrammando le vacanze per l'anno prossimo. Almeno così sperano tutti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Barcellona, la stretta del sindaco Collboni contro gli affitti brevi di Airbnb e il turismo di massa

Blocco informatico: ritardi e cancellazioni dei voli, cosa fare e cosa dicono le compagnie aeree

Milano, l'aeroporto di Malpensa sarà intitolato a Silvio Berlusconi, ma scoppiano le proteste