Viaggiare diventa sempre più green. Meno voli nazionali, il treno è sempre più di moda

Scalo di Francoforte - Germania - 26marzo 2023
Scalo di Francoforte - Germania - 26marzo 2023 Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Charlotte EltonEuronews web
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sempre meno persone in Europa usufruiscono di voli nazionali preferendo opzioni più sostenibili. Il movimento “Flight shame " sembra funzionare, almeno per i viaggi a corto raggio all'interno dei confini del paese

PUBBLICITÀ

Sempre meno persone in Europa usufruiscono di voli nazionali preferendo opzioni più sostenibili.

Il movimento "Flight shame" sembra funzionare, almeno per i viaggi a corto raggio all'interno dei confini del paese. L’idea era nata in Svezia nel 2018 per dissuadere le persone dalla scelta di volare in aereo, per ridurre le emissioni di anidride carbonica e per contrastare il cambiamento climatico.

Secondo i nuovi dati di Eurocontrol, nel 2022 dalla Germania sono decollati il 38% in meno di voli interni rispetto al 2019. In Lituania e Finlandia sono diminuiti rispettivamente del 38% e del 35%. Un calo che può essere attribuito alla "pressione ambientale", almeno questo suggerisce il rapporto. Molti viaggiatori europei preferiscono usare i treni al posto degli aerei. 

I paesi europei con un forte calo di voli nazionali

Germania, Lituania e Finlandia hanno registrato le maggiori perdite, oltre all'Ucraina devastata dalla guerra, con un calo dell'87% tra il 2019 e il 2022. Ma la tendenza al ribasso è stata abbastanza costante in tutto il continente.

Il Regno Unito ha registrato una diminuzione del 25% dei voli interni. Anche Austria (-32%), Svezia (-27%), Svizzera (-20%), Croazia (-19%) e Irlanda (-17%) hanno registrato cali significativi.

La Francia ha registrato un calo del 15%, mentre i voli nazionali portoghesi e spagnoli sono diminuiti rispettivamente del 7 e 6%.

L'unico aumento significativo è stato in Ungheria, dove i voli interni sono aumentati del 56% rispetto ai livelli del 2019.

Perché i viaggi aerei nazionali sono diminuiti in tutta Europa?

Mentre la crisi climatica fa sentire i suoi effetti ovunque dilaga un sentimento a impatto zero. C’è un maggiore desiderio di fare qualche cosa per aiutare il nostro pianeta. E così anche i voli non sono più necessari per spostarsi. 

Francia e Austria hanno vietato i voli nazionali a corto raggio in cui è disponibile un viaggio in treno. Molti governi sovvenzionano questi percorsi.

Eurocontrol ha attribuito parte del calo a "Spagna, Germania e Austria che propongono offerte di biglietti ferroviari economici".

La scorsa estate, la Germania ha introdotto un abbonamento per i trasporti pubblici fortemente scontato, offrendo ai viaggiatori l'uso illimitato dei mezzi locali e regionali per soli 9 euro al mese.

La Spagna ha investito più di 700 milioni di euro in un piano che prevede biglietti gratuiti ai viaggiatori a lungo e corto raggio. Gli abbonamenti ai treni locali nelle grandi città e a media percorrenza rimarranno gratis per tutto il 2023.

E le iniziative non finisco qui. La scorsa settimana, il governo tedesco ha votato per investire 45 miliardi di euro in Deutsche Bahn, l'operatore ferroviario nazionale, entro il 2027.

Il destino dei voli internazionali a lungo raggio

La buona notizia dunque è che il numero di voli nazionali sta diminuendo. Nel 2022 ci sono stati meno voli rispetto al 2019, l'ultimo anno prima della pandemia.

"Rispetto al 2019, nel 2022 c'era ancora un divario di traffico del 16,7%, che corrisponde a 4.989 voli giornalieri in meno nella rete", questo è quanto si legge nel rapporto di Eurocontrol.

Ma il traffico aereo all'interno dell'Europa è destinato a crescere, con un aumento del 4% all'anno dal 2025 in poi. Secondo Eurocontrol è probabile che superi i livelli pre-pandemia entro il 2029. 

Viaggiare in treno è meglio per il pianeta che volare?

Evitare i viaggi aerei è un ottimo modo per ridurre l’impronta di carbonio.

Un volo di andata e ritorno in classe economica da Londra a New York emette circa 1,48 tonnellate di CO2 per passeggero, almeno secondo il calcolatore del carbonio della mappa delle emissioni di volo: più del doppio della produzione media di una persona in Ghana in un anno intero.

PUBBLICITÀ

Ma con le ristrutturazioni delle reti ferroviarie europee e la voglia di tornare a viaggiare in treno, rinunciare ai voli non significa rinunciare alle vacanze. Pianificare viaggi in treno in Europa è più facile di quanto si possa pensare. Date qui un'occhiata a questi fantastici viaggi in treno per trovare l'ispirazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le 5 migliori spiagge europee raggiungibili in treno

Parte il treno della buonanotte da Praga a Bruxelles: il ritorno dei treni notturni in Europa

Bologna: viveva in aeroporto perché affitti troppo alti, pensionato 83enne avrà una nuova casa