EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Macron alla Sorbona: "L'Europa può morire, dipende dalle scelte che faremo"

Il presidente francese Emmanuel Macron pronuncia un discorso sull'Europa nell'anfiteatro dell'Università della Sorbona, il 25 aprile a Parigi. 2024.
Il presidente francese Emmanuel Macron pronuncia un discorso sull'Europa nell'anfiteatro dell'Università della Sorbona, il 25 aprile a Parigi. 2024. Diritti d'autore Christophe Petit Tesson, Pool via AP
Diritti d'autore Christophe Petit Tesson, Pool via AP
Di Alice TideyEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

"Il blocco di 27 paesi deve ripensare urgentemente i suoi modelli di difesa ed economici per non rimanere indietro rispetto ai suoi rivali" ha detto il leader francese Macron durante un discorso alla Sorbona

PUBBLICITÀ

"Il modello europeo rischia di essere ucciso dalla rivalità tra Stati Uniti e Cina e il prossimo decennio sarà decisivo per la sua sopravvivenza".
A dirlo è il presidente francese Emmanuel Macron, che ha invitato l'Unione europea a diventare sempre più unita e sovrana.

In un discorso di 108 minuti tenuto alla Sorbona, dove sette anni fa l'allora neoeletto leader pronunciò un primo discorso sulla sua visione dell'Europa, Macron ha ripetuto più volte che "le regole del gioco sono cambiate" su diversi fronti, tra cui la geopolitica, l'economia e il commercio e la cultura.

"La nostra Europa può morire, dipende da noi"

"Dobbiamo essere lucidi sul fatto che la nostra Europa oggi è mortale. Può morire. Può morire e questo dipende solo dalle nostre scelte, ma queste scelte devono essere fatte ora" ha affermato Macron ai presenti, tra cui esponenti del suo governo e ambasciatori di altri Stati membri.

"Sono finiti i giorni in cui l'Europa acquistava energia e fertilizzanti dalla Russia, esternalizzava la produzione in Cina e delegava la sicurezza agli Stati Uniti d'America" ha aggiunto. Negli ultimi anni sono stati compiuti passi importanti, ha osservato, ma non è abbastanza.

Tra le preoccupazioni del presidente francese, la guerra in Ucraina e le sue implicazioni per la difesa e la sicurezza europea, nonché la capacità degli attori industriali e tecnologici europei di sopravvivere a quello che ha descritto come un "sovvenzionamento eccessivo" delle loro economie da parte di Stati Uniti e Cina.

Importante costruire una difesa comune

Per far fronte al nuovo scenario geopolitico, il Presidente francese ha affermato che è necessario costruire "una difesa credibile del continente europeo".

L'Europa deve saper difendere ciò che le sta a cuore con i suoi alleati, ogni volta che questi sono disposti a farlo al nostro fianco, e da soli se necessario
Emmanuel Macron
presidente francese

"Gli Stati Uniti hanno due priorità: gli Usa in prima battuta (America first) e in secondo luogo la Cina. La questione europea non è una priorità geopolitica per gli anni e i decenni a venire, a prescindere dalla forza della nostra alleanza".

Indicando la Russia come la principale minaccia del blocco, Macron ha chiesto di iniziare a lavorare su una "iniziativa di difesa europea" entro pochi mesi, prima come un "concetto strategico" da cui poi saranno messe in atto le "capacità pertinenti".

Per fare ciò, ha sottolineato, l'industria europea della difesa deve "produrre più velocemente, in modo più europeo". Ha ribadito la sua posizione, sostenuta negli ultimi mesi dai suoi colleghi dell'Ue, secondo cui questo aumento degli investimenti potrebbe essere finanziato attraverso l'aumento del debito comune dell'Ue. Ha inoltre ribadito la sua affermazione secondo cui dovrebbe esserci una "preferenza europea" nell'acquisto di attrezzature militari.

L'Ue dovrebbe anche essere più incisiva sul fronte diplomatico, ha affermato Macron, stringendo più "partenariati reciproci" con Paesi terzi "per dimostrare che non è mai vassalla degli Stati Uniti e che sa anche parlare a tutte le regioni del mondo: ai Paesi emergenti, all'Africa, all'America Latina".

Il commercio, "troppe regole"

Affinché gli attori industriali europei possano sopravvivere alla concorrenza "sleale" dei rivali statunitensi e cinesi che hanno beneficiato di vasti programmi di sovvenzioni, Macron ha predicato una semplificazione delle regole o deregolamentazione.

"Il nostro attuale modello economico non è più sostenibile", ha dichiarato.

Per il leader francese, gli obiettivi dell'Ue di diventare neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio, di mantenere un modello socio-economico basato sulla solidarietà e sulla ridistribuzione e di aumentare la sovranità nei settori chiave e nelle catene di approvvigionamento sono giusti, ma "non ci siamo perché regoliamo troppo, investiamo troppo poco, siamo troppo aperti e non difendiamo abbastanza i nostri interessi".

La risposta, secondo il presidente francese, è un "patto di prosperità" che includa "percorsi di semplificazione delle regole" nel corso del prossimo mandato per consentire alle aziende di scalare rapidamente a livello europeo e una politica industriale per dare impulso ai cosiddetti settori verdi. 

L'Europa, ha aggiunto, dovrebbe anche puntare a diventare leader mondiale in cinque settori chiave: l'intelligenza artificiale, lo spazio, le biotecnologie, le energie rinnovabili e il nucleare.

Per raggiungere questi obiettivi, l'Unione avrà bisogno di un "grande piano di investimenti collettivi". Si è detto favorevole all'aggiunta di un obiettivo di crescita, nonché all'aumento delle entrate derivanti da imposte a livello europeo. Ha inoltre esortato ad accelerare i lavori per la creazione di un'Unione dei mercati dei capitali, da finalizzare entro 12 mesi, per invogliare le banche dell'Ue a investire i risparmi europei in prodotti nazionali piuttosto che in prodotti esteri, solitamente americani.

I valori che devono essere difesi

L'ultima parte del suo discorso è stata dedicata alla difesa dei valori europei.

Non dobbiamo mai dimenticare che noi (europei) non siamo come gli altri per il nostro attaccamento alla libertà, alla democrazia, allo Stato di diritto e all'uguaglianza. Ma questi valori sono sempre più minacciati dalla disinformazione e dalla propaganda
Emmanuel Macron
presidente francese

Tra le sue idee per rafforzare i legami intraeuropei figurano la creazione di diplomi europei (una proposta che la Commissione europea ha presentato di recente) e di alleanze tra musei e biblioteche europee, mentre ha sostenuto una "maggiore età digitale" fissata a 15 anni per proteggere i giovani dalle possibili insidie della vita online. Ha inoltre sostenuto il rafforzamento del meccanismo dello Stato di diritto del blocco, che mira a sanzionare gli Stati membri che minano i valori dell'Ue.

PUBBLICITÀ

Il sondaggio di Ipsos per Euronews: il partito di Macron rincorre

All'inizio della settimana il team di Macron aveva sottolineato che il discorso era "un momento istituzionale per un capo di Stato" e che sarebbe stato quindi "ben distinto da un esercizio di campagna elettorale", nonostante sia stato pronunciato solo sei settimane prima che centinaia di milioni di europei nei 27 Stati membri si recassero alle urne per eleggere i loro 720 rappresentanti al Parlamento europeo.

Secondo un sondaggio di Ipsos per Euronews, il partito centrista del presidente, Renaissance, e i suoi partner, Modem e Horizons, dovrebbero arrivare secondi con appena il 18% dei voti.

Il Rassemblement national, partito di estrema destra, sembra assicurarsi una comoda vittoria con una stima del 31% dei voti. Il suo leader, il 28enne Jordan Bardella, presenterà il programma elettorale europeo del partito nel tardo pomeriggio di giovedì.

I consiglieri di Macron hanno invece sottolineato che il discorso ha lo scopo di presentare le sue idee per il futuro del blocco in vista del vertice dei leader dell'Ue di fine giugno, in cui dovranno concordare le priorità per il prossimo mandato, note come agenda strategica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parlamento europeo, i momenti memorabili della nona legislatura

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Alvise Perez, il "Bukele" spagnolo che vuole cavalcare il malcontento nelle elezioni europee