ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Svezia, sempre più persone si "vergognano di volare": passeggeri in calo

Svezia, sempre più persone si "vergognano di volare": passeggeri in calo
Diritti d'autore
AP Photo/Kirsty Wigglesworth - Kirsty Wigglesworth
Dimensioni di testo Aa Aa

Sulla scia dell'attivismo di Greta Thunberg, contina a decollare la pratica del flight-shaming, ovvero quella "vergogna del volo" che nasce dalla presa di coscienza dell’enorme peso ambientale degli aerei.

In Svezia questo movimento contro il volo è alla base di un calo del numero di viaggiatori negli aeroporti.

Swedavia, che gestisce 10 degli aeroporti più trafficati del Paese, ha indicato una riduzione del 4% del numero di passeggeri, scesi dai 42 milioni nel 2018 ai 40 milioni l'anno scorso.

Nel periodo considerato, il numero dei passeggeri internazionali che utilizzano gli aeroporti svedesi è calato del 2% fino a 28 milioni, ma la contrazione più vistosa si è avuta a livello domestico con una diminuzione del volume dei passeggeri del 9%.

Secondo gli esperti, il calo in Svezia - patria dell'attivista Greta Thunberg - è in parte dovuto al movimento flygskam (flight-shaming).

"Il calo del numero di passeggeri è un segno che il movimento flygskam sta avendo un impatto reale", l'opinione di Andrew Murphy, esperto di Transport and Environment.

"Ma per ridurre le emissioni al ritmo necessario, abbiamo bisogno che siano i governi ad intervenire e regolare il livello delle emissioni del settore dell'aviazione, la tassazione del carburante per aerei e sviluppare alternative ai combustibili fossili, da cui il settore dipende attualmente".

Il movimento flygskam è nato nell'estate del 2017 quando il cantautore Staffan Lindberg ha annunciato di rinunciare a prendere aerei.

Thunberg, che ha dato il via a un movimento giovanile globale per chiedere un'azione immediata contro il cambiamento climatico, ha seguito il suo esempio, arrivando e tornando dagli States via mare.

L'adolescente, commentando il calo dei viaggi aerei nazionali in Svezia e Germania, ha detto che questi numeri aiutano a realizzare il "cambiamento di sistema" necessario per risolvere la "crisi climatica e ambientale" del pianeta.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.