This content is not available in your region

Lo scambio di casa: la soluzione ideale per il mondo post-Covid

Lo scambio di casa: la soluzione ideale per il mondo post-Covid
Diritti d'autore  Brina Blum / Unsplash
Di Sarah Palmer
Dimensioni di testo Aa Aa

Negli ultimi dieci anni siti come Airbnb hanno spodestato gli hotel e le tradizionali proprietà in affitto come alloggi per le vacanze. Ma sta crescendo anche un concorrente più accessibile e sostenibile.

Si tratta dello scambio di casa, cioè, come dice il nome, scambiare la propria casa o appartamento con qualcun altro nello stesso paese o altrove, in modo che ognuno possa trarre vantaggio da un'opzione finanziariamente sostenibile per le vacanze.

A scegliere questo nuovo modo di alloggiare sarebbero sempre più viaggiatori. Love Home Swap, ad esempio, un'agenzia britannica, ha registrato un aumento del 282 per cento lo scorso anno rispetto al 2019, seguito da un ulteriore aumento del 73 per cento tra maggio e giugno 2020.

Gli stessi dati hanno mostrato che le richieste di proprietà costiere sono aumentate del 40 per cento e le proprietà rurali del 30.

I vantaggi dello scambio di casa

Il Covid-19 ha alimentato le ansie nei confronti degli agli spazi condivisi. Lo scambio di casa offre allora ai viaggiatori la massima tranquillità nel proprio spazio. "A differenza degli hotel, ci sono meno persone che passano per il luogo in cui si alloggia", commenta Celia Pronto, amministratrice delegata di Love Home Swap. "Circa la metà degli alloggi sul nostro sito sono prime case, il che significa che sono più lontane dai luoghi turistici e che hanno un'atmosfera più locale, lontano dalla folla".

James Asquith, fondatore e amministratore delegato di Holiday Swap, approfondisce ulteriormente questo aspetto: "Il concetto di scambio di casa era già in aumento prima del Covid, ma la pandemia gli ha dato una forte spinta."

E non solo per ragioni legate alla salute. Lo scambio di casa è anche un'opzione decisamente più economica perché si fa cambio con un'altra famiglia per gli stessi costi di gestione, più un piccolo extra per la piattaforma con cui con cui ci si registra. Nel caso di Holiday Swap, è meno di un euro a persona a notte.

"Uno dei motivi per cui stiamo assistendo a un crescente interesse per lo scambio di casa è senza dubbio il risparmio di denaro", spiega James. “Le economie sono in difficoltà, le piccole imprese, soprattutto le persone che lavorano nel settore dei servizi, stanno attraversando un momento difficile. I giorni delle vacanze all-inclusive in hotel pagate con carta di credito e facendo gli straordinari sono finiti da un po'. Riducendo al minimo quello che rappresenta la parte maggiore dei costi di un viaggio, che è l'alloggio al 36 per cento, si può risparmiare parecchio."

Fatti supportati dalle statistiche: Love Home Swap constata che un terzo dei suoi membri va in vacanza più di quattro volte l'anno, risparmiando in media 1.100 euro sull'alloggio attraverso il sito.

L'altro fascino principale è la voglia di integrarsi e costruire rapporti genuini con la comunità locale, che è diventata una parte importante nei progetti di viaggio.

“I viaggiatori hanno voglia di creare nuovi legami. Holiday Swap è come Tinder per i viaggi. Conosci le persone in cui alloggerai in anticipo, loro possono presentarti alla gente del posto. Per molti è questa la parte migliore del viaggio ".

Holiday Swap ha visto i suoi utenti crescere del 20 per cento, anche durante la pandemia lo scorso anno. James pensa che ciò sia dovuto al fatto che il processo di utilizzo di Holiday Swap è l'ideale per un periodo di lockdown trascorso in gran parte dietro uno schermo.

“Le persone hanno davvero avuto il tempo di pensare a cosa vogliono dalle loro prossime vacanze. Come ho detto, è come Tinder ", ride," l'attività è diminuita, ma gli incontri - e i progetti per il futuro - sono aumentati! "