Powassan, il virus mortale che spaventa l'America. Nessun allarmismo dalla comunità scientifica

Zecca ha cui ha origine il virus Powassan
Zecca ha cui ha origine il virus Powassan Diritti d'autore AP Photo
Di Sarah Palmer
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il virus Powassan prende il nome da una città dell'Ontario dove è stato scoperto per la prima volta negli anni '50. Ora il numero di casi segnalati negli Usa e in Canada è in forte aumento

PUBBLICITÀ

Il virus Powassan prende il nome da una città dell'Ontario dove è stato scoperto per la prima volta negli anni '50. 

Ora il numero di casi segnalati negli Usa e in Canada è in forte aumento. Una ricerca condotta dalla Yale School of Public Health ha scoperto che c'è un'alta concentrazione di positivi soprattutto nello Stato di New York, nel Maine e nel Connecticut.

Ma cos'è il virus Powassan - soprannominato "il cugino mortale della malattia di Lyme"? Proprio come Lyme, il virus Powassan viene trasmesso attraverso le punture di zecca, o meglio dalla "la zecca dalle zampe nere". Una delle principali preoccupazioni legate al virus Powassan rispetto alla malattia di Lyme è la rapidità con cui può infettare le persone. Mentre il periodo di trasmissione tra una puntura di zecca e l'uomo che contrae la malattia di Lyme può richiedere fino a due o tre giorni, Powassan può colpire in soli 15 minuti anche se i sintomi spesso non si manifestano fino a una settimana o quattro settimane dopo.

I sintomi del virus Powassan

Il virus in realtà viene diagnosticato raramente perché la maggior parte delle persone che lo contrare è asintomatica.

Alcuni possono avere dei sintomi, anche gravi. A partire da febbre, brividi, affaticamento, nausea e rigidità.

Il virus può anche causare convulsioni e perdita di memoria e, in un piccolo numero di casi, può essere mortale.

Perché Yale sta indagando adesso?

La più recente ricerca sul virus, condotta dalla Yale School of Public Health, è iniziata nel 2008 e si è conclusa nel 2019.

Chantal Vogels è ricercatrice presso il Dipartimento di Epidemiologia delle malattie microbiche presso la Yale School of Public Health e coautrice dello studio.

Nei risultati recentemente pubblicati, spiega come ci fossero pochissime informazioni genomiche sul virus Powassan fino a questo ultimo report.

"Siamo stati in grado di studiare i modelli di trasmissione, diffondere e svelare l'ecologia del virus", ha affermato. "È incredibilmente importante la sorveglianza per sapere cosa c'è là fuori".

I risultati della ricerca

Il risultato chiave dello studio è stato che il virus è in gran parte concentrato in aree molto specifiche. Secondo il rapporto, “il virus ora sembra muoversi lentamente o rimanere fermo, diffondersi in punti caldi specifici ed evolversi in modo indipendente in ciascuno di essi. "

Gli scienziati hanno osservato che negli ultimi anni si è registrato un aumento delle diagnosi.

Dal primo caso nel 1958 fino al 2006 circa, è stato rilevato un solo caso all'anno. Ma dall'inizio degli anni 2010, "dozzine di diagnosi sono state fatte quasi ogni anno", secondo lo studio.

Tuttavia, l'aumento dei casi non è necessariamente qualcosa di cui preoccuparsi. Il virus Powassan è ancora considerato una malattia "rara" e l'aumento dei casi è attribuito al fatto che i medici e gli scienziati sono più inclini a verificare la presenza di Powassan se i sintomi sono presenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cambiamento climatico favorisce un nuovo virus mortale in Europa

Stati Uniti, Corte Suprema dell'Alabama: "Embrioni congelati sono esseri umani"

Sacerdote arrestato in Spagna: vendeva illegalmente Viagra