Una "nazione bruciata"? Nel Regno Unito esplodono le assenze dal lavoro a causa dello stress

Oltre un terzo degli adulti britannici ha sperimentato livelli elevati o estremi di pressione e stress.
Oltre un terzo degli adulti britannici ha sperimentato livelli elevati o estremi di pressione e stress. Diritti d'autore Canva
Di Laura Llach
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo quasi la metà dei lavoratori, i datori di lavoro non sono in grado di identificare i segnali di stress cronico e prevenire il burnout.

PUBBLICITÀ

Occuparsi dei suoi due figli mentre cercava di completare una laurea in psicologia ha fatto sentire Rose, 29 anni, sopraffatta. È stato allora che si è resa conto di essere vittima di un burnout.

"Spesso ho molte cose da fare. Ho dovuto chiedere diverse proroghe per il mio lavoro universitario. Con il tempo questo mi ha logorato e mi ha portato al burnout. Mi sentivo sopraffatta e sconfitta ogni giorno", ha detto.

"Peggio ancora, il burnout ha influito sulla mia motivazione, il che significa che faccio fatica a lavorare e a portare a termine i miei compiti quotidiani, rimanendo sempre più indietro", ha aggiunto.

La donna britannica afferma che il suo stato d'animo ha cambiato il rapporto con i figli, al punto che sente di non poter più essere la mamma brillante che i suoi bimbi meriterebbero.

Secondo l'ultimo rapporto di Mental Health UK, più del 90% degli adulti del Regno Unito ha sperimentato "livelli elevati o estremi di pressione o stress in qualche momento dell'ultimo anno".

Il burnout ha influito sulla mia motivazione, il che significa che faccio fatica a lavorare e a portare a termine i miei compiti quotidiani, rimanendo sempre più indietro.
Rose
29enne britannica

Il numero di lavoratori costretti ad assentarsi dal lavoro per prendersi cura della propria salute mentale è "preoccupante". Secondo l'associazione, un lavoratore su cinque ha dovuto prendersi una pausa a causa della pressione o dello stress a cui è sottoposto.

"In parole povere, questi risultati suggeriscono che il Regno Unito stia rapidamente diventando una nazione esaurita, dove un numero preoccupante di persone si assentano dal lavoro a causa di una cattiva salute mentale causata dallo stress", ha dichiarato Brian Dow, Chief Executive di Mental Health UK.

L'associazione ritiene che si tratti di un problema da affrontare e chiede al governo britannico di lavorare per creare ambienti di lavoro sani e sostenere le persone che lottano contro lo stress e i problemi di salute mentale.

Secondo il sondaggio, i luoghi di lavoro potrebbero essere mal preparati per supportare i dipendenti che sperimentano elevati livelli di stress.
Secondo il sondaggio, i luoghi di lavoro potrebbero essere mal preparati per supportare i dipendenti che sperimentano elevati livelli di stress.Canva

Il burnout è dannoso per il nostro benessere

Il rapporto di Mental Health UK si basa sui dati di un sondaggio condotto da YouGov su 2.060 adulti, tra cui 1.132 lavoratori. I risultati mostrano che i luoghi di lavoro potrebbero non essere preparati a sostenere i dipendenti che sperimentano alti livelli di stress.

Quasi la metà dei lavoratori intervistati ha dichiarato che il proprio datore di lavoro non aveva un piano per identificare i segnali di stress cronico e prevenire il burnout.

Fisicamente ero esausta, costantemente nervosa e soffrivo di mal di testa. Mi addormentavo rapidamente ma mi svegliavo di notte con i pensieri che mi consumavano. Avevo difficoltà a concentrarmi e spesso mi distraevo.
Deidre Bowen
Mental Health UK

"L'esperienza personale del burnout mi ha mostrato quanto possa essere dannoso per il nostro benessere e perché i datori di lavoro debbano dare priorità ad azioni concrete per prevenirlo", ha dichiarato Deidre Bowen, direttrice dei programmi nazionali di Mental Health UK.

Per la Bowen, il lavoro era al centro della sua vita e il burnout l'ha colta di sorpresa. Nella sua precedente azienda, sentiva di doversi destreggiare tra più ruoli, lavorando 24 ore su 24 e affrontando l'incertezza causata dalla pandemia.

"Fisicamente ero esausta, costantemente nervosa e soffrivo di mal di testa. Mi addormentavo rapidamente ma mi svegliavo di notte con i pensieri che mi consumavano. Avevo difficoltà a concentrarmi e spesso mi distraevo", racconta Bowen.

"Vivevo in uno stato di sopraffazione, con i confini tra il lavoro e la vita al di fuori del lavoro sempre più sfumati", ha aggiunto.

Quando finalmente si è resa conto di soffrire di burnout, ha deciso di prendersi tre settimane di pausa dal lavoro e di andare in terapia, ma il recupero è stato più lungo del previsto. Dice di aver dovuto cambiare il suo modo di affrontare il lavoro.

"Ora mostro apertamente la mia vulnerabilità, non è una debolezza", ha spiegato.

L'indagine ha anche rilevato che, mentre l'aumento dei prezzi colpisce le tasche dei cittadini, quasi il 38% dei lavoratori ha sperimentato lo stress dovuto all'assunzione di lavoro extra a causa della crisi del costo della vita.

Tuttavia, anche se gli alti livelli di stress sembrano essere la norma, un adulto su quattro (24%) si sente incapace di gestire lo stress nella propria vita.

PUBBLICITÀ

"Non ci sarà una soluzione semplice e uguale per tutti, ma l'incapacità di comprendere e affrontare adeguatamente le sfide che dobbiamo affrontare minaccerà la nostra salute e il nostro successo a lungo termine come nazione", ha concluso Dow.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: si testa la settimana lavorativa di 4 giorni contro la carenza di manodopera

Secondo il Mit l'IA è troppo costosa per sostituire gli esseri umani nei posti di lavoro

Secondo l'Fmi l'IA avrà un impatto sul 60% dei posti di lavoro nelle economie avanzate