Il fallimento della Silicon Valley Bank, paura per una crisi finanziaria globale

Silicon Valley Bank. Santa Clara, 10 Marzo 2023
Silicon Valley Bank. Santa Clara, 10 Marzo 2023 Diritti d'autore AP Photo/Jeff Chiu
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ora sono diverse le startup della Silicon Valley nei guai. Ecco perché la banca ha chiuso, chi è stato maggiormente colpito e come tutto questo potrebbe avere ripercussioni in generale sul settore bancario

PUBBLICITÀ

L’hanno definito il più rapido fallimento di una banca negli Stati Uniti. Venerdì scorso, la corsa agli sportelli ha inferto un colpo letale alla Silicon Valley Bank costringendola a chiudere dopo che la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse. 

Una mossa che ha spaventato i potenziali investitori dell'istituto di credito, punto di riferimento delle startup tecnologiche mondiali di alto livello e noto anche per il capitale di rischio. Si tratta del maggiore fallimento di una banca con sede negli Stati Uniti da quando Washington Mutual è crollata al culmine della crisi finanziaria nel 2008.

Ecco cosa sapere sul motivo per cui la banca ha chiuso, chi è stato maggiormente colpito e come tutto questo potrebbe o meno influenzare, in modo più ampio, il sistema bancario negli Usa e nel mondo.

Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse

La Silicon Valley Bank è stata duramente colpita dalla flessione dei titoli tecnologici nell'ultimo anno e dal piano aggressivo della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse per combattere l'inflazione. L’Istituto di credito ha acquistato obbligazioni per miliardi di dollari negli ultimi due anni, utilizzando i depositi dei clienti come farebbe normalmente una qualsiasi altra banca.

Questi investimenti sono in genere sicuri, ma il loro valore è ampiamente diminuito. A differenza di banche più tradizionali, SVB offriva servizi dedicati alle esigenze delle startup, semplificando l’accesso al credito e i trasferimenti di denaro.

Investitori della Silicon Valley sempre più a corto di liquidità

I clienti della Silicon Valley Bank, in gran parte startup e altre società del settore tecnologico, avevano iniziato, nell’ultimo anno, ad avere sempre maggiore bisogno di denaro.

Il finanziamento del capitale di rischio si stava esaurendo; le aziende non sono state in grado di ottenere ulteriori finanziamenti per attività non redditizie e quindi hanno dovuto attingere ai fondi esistenti, spesso depositati presso la SVB, che si trovava proprio al centro dell'universo delle startup tecnologiche.

I clienti della Silicon Valley Bank hanno iniziato a ritirare i loro depositi. All'inizio non è stato un grosso problema, ma i prelievi hanno iniziato a pesare, portando la banca a vendere i propri asset per soddisfare le richieste di prelievo sempre maggiori.

Diritti d'autore: AP Photo/Jeff Chiu
Silicon Valley Bank- Santa Clara, California, 10 marzo 2023Diritti d'autore: AP Photo/Jeff Chiu

Portafoglio obbligazionario in perdita

Da notare che i clienti della Silicon Valley Bank erano in gran parte aziende e personaggi molto facoltosi. Avevano più paura di un fallimento bancario perché i loro depositi superavano i $ 250.000 (€ 234.575) o superavano il limite imposto dal governo degli Stati Uniti sull'assicurazione sui depositi.

Le indagini sulle criptovalute

La fine di SVB sta avendo ripercussioni anche nel settore delle criptovalute, le monete digitali non controllate da un’autorità centrale e le cui transazioni sono garantite da registri digitali decentralizzati. 

La banca ha cercato di raccogliere capitale aggiuntivo tramite investitori esterni ma non è riuscita a trovarli. Una corsa agli sportelli ha così affondato la nave e la banca incentrata sulla tecnologia è stata abbattuta dal problema più antico nel settore bancario e uno dei pochi mezzi che possono far fallire una banca: una corsa al ritiro dei depositi.

Le autorità di regolamentazione bancaria non avevano altra scelta che sequestrare i beni della Silicon Valley Bank per proteggere quei depositi ancora rimasti presso la banca. La Federal Reserve ha quindi alzato i tassi di interesse per la terza volta per combattere l'aumento dell'inflazione.

Che succede ora?

Al momento, gli esperti non si aspettano grandi scossoni nel settore bancario in generale. Potrebbero esserci alcune turbolenze o problemi di instabilità causati da questo fallimento, come ad esempio il calo che il mercato delle criptovalute ha subito sabato mattina. Ma il comparto ha già mostrato segni di ripresa.

La Silicon Valley Bank era un colosso ma aveva una particolarità ovvero era la banca del mondo della tecnologia delle società sostenute da Venture Capital. Ha sempre lavorato molto con un settore economico duramente colpita nell'ultimo anno. Altre banche sono molto più diversificate sia come clienti che come aree geografiche.

Tuttavia non si escludono effetti economici a catena, specialmente nel mondo delle start-up tecnologiche statunitensi se il denaro che attualmente è rimasto presso la Silicon Valley Bank non verrà restituito in tempi rapidi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il miglior periodo dell'anno per i criminali: ecco come proteggersi dalle truffe a Natale

Le società di criptovalute congelano i conti per bloccare i finanziamenti di Hamas

Nel Regno Unito l'inflazione galoppa ancora. Perché?