This content is not available in your region

Il Fondo di Recupero e Resilienza europeo, vuole risollevare il continente e la sua economia

euronews_icons_loading
Il Fondo di Recupero e Resilienza europeo, vuole risollevare il continente e la sua economia
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono 672,5 miliardi di euro da spendere per rimettere in sesto l'economia, ma gli Stati membri devono dimostrare di essere seriamente intenzionati a diventare verdi prima di ottenere una quota di denaro. L'accordo politico è stato raggiunto sul regolamento dello strumento per il recupero e la resilienza (RRF), nel dicembre 2020.

Sotto il sole provenzale, l'energia solare viene utilizzata per generare elettricità.

Ma in futuro, queste fattorie fotovoltaiche potrebbero rifornire il più grande sito francese per la produzione di idrogeno verde - un ingrediente necessario per la produzione di biocarburanti - un'alternativa più pulita al diesel.

Total ed Engie hanno collaborato per lanciare il progetto Masshylia, ma i due giganti dell'energia contano su fondi pubblici per avviare il settore dell'idrogeno verde.

Jean-Michel Diaz, rappresentante regionale del Mediterraneo: "Questo aiuto è essenziale, perché il costo delle prime unità prodotte è molto più alto di quello che sarebbe se si utilizzassero impianti industriali esistenti già funzionanti a pieno regime. Quindi, per avere un prodotto finale disponibile a un costo accettabile per il consumatore, beh, è ​​necessario, all'inizio, aiutarlo attraverso questi fondi".

Per il momento, il biocarburante qui prodotto utilizza il cosiddetto idrogeno “grigio” generato da combustibili fossili. Si prevede di sostituirlo con l'idrogeno verde - prodotto dai pannelli solari - riducendo ulteriormente l'impronta di carbonio.La speranza di Engie e Total di ricevere finanziamenti pubblici non è infondata. La Francia ha infatti pianificato un piano di ripresa di 100 miliardi di euro, di cui 40 dal piano europeo di ripresa e resilienza.

Un terzo di questa somma, circa 30 miliardi di euro, dovrà essere iniettato nella transizione ecologica, con massicci investimenti nella ristrutturazione degli edifici, nei trasporti più puliti e nella decarbonizzazione dell'industria.

Il settore dell'idrogeno verde riceverà 7 miliardi di euro: 2 dal piano di ripresa nei prossimi due anni, e poi altri 5 entro il 2030.

Un tale impianto di idrogeno parteciperebbe anche alla ripresa economica della regione, secondo questo esperto.

Sylvain Brémond, Vicedirettore generale, Capenergies: "La produzione economica è stata stimata quando è stata annunciata la strategia nazionale per l'idrogeno. Significa la creazione di tra 50.000 e 150.000 posti di lavoro diretti e indiretti. La cosa si può vedere anche in termini di investimenti, perché molto probabilmente questo denaro ci permetterà di risparmiare molto sulle conseguenze del cambiamento climatico.

Il produttore di batterie all'idrogeno Helion non richiederà finanziamenti pubblici, ma si aspetta già ritorni da un settore in rapida espansione.

Così Benoît Vesy, Chief Operation Officer di Helion: "Chi dice produzione industriale, in realtà dice investimenti in strumenti di produzione, strumenti di test, infrastrutture, quindi questo sito è davvero destinato a crescere. Siamo una quarantina di persone oggi, puntiamo, alla fine del decennio, a superare i 100 collaboratori".

Abbiamo parlato con Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea: "Naomi Lloyd, Euronews: La struttura per la ripresa e la resilienza serve ad aiutare le economie europee a rimettersi in carreggiata. È stato un viaggio piuttosto lungo per ottenere l'approvazione di questo accordo, non è vero?

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente della Commissione europea: "Sono stati negoziati complicati, ma va detto che in fin dei conti abbiamo creato un pacchetto finanziario senza precedenti dal punto di vista europeo. È una quantità di denaro molto consistente. Ora la cosa principale è che questi soldi vadano davvero all'economia e sono ben spesi".

Naomi Lloyd, Euronews: "Abbiamo visto nel rapporto di Guillaume il progetto per un impianto di idrogeno verde. Sono questi i tipi di progetti in cui lei auspica che i governi investano?"

Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea: "Una parte sostanziale della struttura di recupero e resilienza dev'essere collegata al nostro lavoro verso la neutralità climatica. E l'idrogeno pulito è chiaramente una di quelle possibilità. Alla fine spetta a ciascun Stato membro decidere quali progetti si vogliano prororre. Quindi, in questo caso, spetta alla Francia decidere se presentare questo progetto nei loro piani di recupero e resilienza. Ma se discutiamo di queste transizioni verdi, ci sono anche molte altre attività che possono essere finanziate nelle energie rinnovabili, quella che chiamiamo un'ondata di rinnovamento. Quindi migliorare l'efficienza energetica degli edifici e di molti altri settori".

Naomi Lloyd, Euronews: "Molti dei nostri spettatori hanno perso il lavoro: come potranno essere aiutati da questi invetimenti?"

Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea: "Questa è in realtà la chiave per garantire che questo denaro inizi a fluire nell'economia reale e vada ai destinatari di questo denaro il prima possibile. Tutto questo va visto nel contesto delle nostre misure immediate anticrisi. Nell'ultimo anno abbiamo adottato molte misure per il sostegno immediato delle imprese colpite dalla crisi".

Naomi Lloyd, Euronews : "La commissione ha parlato dei primi pagamenti in estate. Lei può garantirlo?Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea: "Questo è ciò a cui miriamo in ogni caso, in questo momento. È importante che gli Stati membri preparino i propri piani di ripresa e resilienza in modo che la Commissione europea possa approvarli. E questa è la base per versare questi soldi. Dopo l'approvazione del piano inizieremo un versamento pari al 13% di prefinanziamento. Ci sarà una notevole quantità di denaro che fluirà immediatamente verso gli Stati membri. Ma c'è un altro elemento importante: affinché la Commissione europea vada sui mercati e prenda in prestito questo denaro, abbiamo bisogno che tutti gli Stati membri ratifichino il piano. Quindi è un'altra parte importante che gli Stati membri devono fare per garantire che questo denaro arrivi davvero".

Mentre l'Europa continua a vacillare per questa pandemia, la pressione è alta per ottenere i fondi di recupero dove sono più necessari, il prima possibile.