EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Una "spia" robot tra le api

Una "spia" robot tra le api
Diritti d'autore REUTERS/Yves Herman TPX IMAGES OF THE DAY
Diritti d'autore REUTERS/Yves Herman TPX IMAGES OF THE DAY
Di Loredana Pianta
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il 20 maggio l'ONU celebra la prima Giornata mondiale delle api, minacciate dall'inquinamento e dai pesticidi. Saranno dei piccoli robot, che gli animali riconoscono come loro simili, a salvarle?

PUBBLICITÀ

Il 20 maggio si celebra la prima “Giornata mondiale delle api”, proclamata dalle Nazioni Unite per ricordare la funzione fondamentale di questi impollinatori per la biodiversità e la sicurezza alimentare.

La data commemora uno dei pionieri della moderna apicoltura, Anton Janša, nato il 20 maggio del 1734 in Slovenia, Paese promotore della richiesta di riconoscimento della Giornata ONU.

Le api sono un prezioso bioindicatore dell'inquinamento ambientale. “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita”, affermava Albert Einstein.

Negli ultimi anni gli sciami sono stati decimati dalle conseguenze del cambiamento climatico e dall’uso di pesticidi a base di neonicotinoidi.

Un team di ricercatori austriaci, dell’Università di Graz, sta sviluppando degli automi in grado di interagire all'interno di società animali, come quella delle api. L'idea è che la creazione di comunità "miste" possa permettere di studiare in maniera più approfondita alcune specie, per contribuire a proteggerle.

Si osserverà le api dall'interno dell'alveare e ne si influenzerà il comportamento, per elaborare nuovi metodi di comprensione di questa specie in pericolo. La ricerca si svolge nell'ambito del progetto europeo ASSISIbf, nel quadro del programma FET (Future and Emerging Technologies) dell'UE.

Thomas Schmickl, scienziato che sta coordinando lo studio, afferma: “Avremo robot sempre più autonomi, che diventeranno più sofisticati. Dureranno più a lungo, diventeranno più piccoli e capaci. Oggi si stanno estinguendo specie animali e vegetali. I robot autonomi potrebbero colmare questa lacuna nell'ecosistema, per renderlo più stabile".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amnesty: "Mettere al bando i robot killer per evitare scenari distopici"

MWC2024: l'intelligenza artificiale rimodella l'esperienza d'uso degli smartphone

Digitalizzare le pmi: l'innovazione in mostra a Huawei Connect 2023